Le fotografie rimasterizzate della missione Apollo rivelano dettagli inediti

Un uomo chiamato Andy Saunders, specializzato in restauro digitale della NASA, ha creato le nuove immagini ad alta definizione da scansioni di circa 35.000 originali conservati in un caveau congelato a Houston.

Una versione rimasterizzata digitalmente delle missioni lunari della NASA è stata rilasciata 50 anni dopo che l’ultimo uomo ha camminato sulla luna. L’impilatura di fotogrammi di pellicola da 16 mm ha rivelato dettagli mai visti in queste straordinarie foto della luna Apollo ad alta definizione.

Le immagini sottostanti provengono dal libro di Andy Saunders Apollo Remastered, che migliora il materiale originale per rivelare nuovi dettagli sulle missioni spaziali della NASA negli anni ’60 e ’70.

L’ Apollo 11 è stata la prima missione a portare gli esseri umani sulla luna, sebbene includesse 14 missioni in totale che coprivano tutto, dai test tecnologici alla raccolta di campioni lunari. Saunders, specializzato in restauro digitale della NASA, ha creato le nuove immagini ad alta definizione da scansioni di circa 35.000 originali conservati in un caveau congelato a Houston.

fotografie
Durante l’Apollo 9, David Scott è visto nel portello del modulo di comando il 6 marzo 1969. Credito immagine: Nasa/JSC/ASU/Andy Saunders.

La pellicola fotografica della NASA è custodita in un congelatore presso il Johnson Space Center di Houston e Andy Saunders ha ottenuto l’accesso ad essa. Il suo nuovo libro, Apollo Remastered, si basa sulla scansione della pellicola originale ad alta risoluzione e sul suo accurato restauro con una tecnologia che migliora le immagini.

Pile di fotogrammi di pellicola da 16 mm sono state utilizzate da Saunders per creare le immagini HD, che non sono esattamente le stesse delle foto originali, ma abbastanza simili da migliorare l’immagine. Dice a Digital Camera World che una volta che l’immagine è stata elaborata, non poteva credere a quanti dettagli ha rivelato.

fotografie 2
Fred Haise dorme nel freddo modulo lunare. Apollo 13, 15 aprile 1970. Credito immagine: Nasa/JSC/ASU/Andy Saunders.

Mentre le stavo elaborando e l’immagine è diventata più chiara, mi sono sentito quasi come un archeologo che spazza via la polvere da un manufatto a lungo dimenticato“, afferma Saunders che l’output RAW dalla scansione digitale di un telaio Hasselblad da 70 mm è un enorme 1,3 GB, File TIFF a 160 bit.

Secondo Saunders, nonostante l’enorme quantità di informazioni in queste immagini, ci vuole molta cura per estrarre i dettagli e bilanciarli. Secondo Saunders, la lavorazione degli alambicchi Hasselblad può richiedere da poche ore ad alcuni giorni.

Queste straordinarie foto vintage descrivono in dettaglio passeggiate nello spazio che sfidano la morte, compiti di raccolta della polvere sulla luna e il primo selfie spaziale di Buzz Aldrin.

Secondo l’astronauta Charles Duke, le fotografie rimasterizzate di Andy Saunders sono così chiare e reali che sono la cosa più vicina all’essere lì. Nella mia memoria, sono esattamente ciò che ho visto sull’Apollo 16.

Le foto mostrano molto chiaramente l’aspetto reale della Luna. Sulla superficie lunare, bandiere e palline da golf sono state lasciate dal programma Apollo. Nel 1972, Duke ha lasciato un ricordo personale.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

81Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Le fotografie rimasterizzate della missione Apollo rivelano dettagli inediti

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina