Gesù è un'elaborata bufala: la storia di Bérenger Saunière | Ufo e Alieni
Dom. Mar 3rd, 2024

Un prete potenzialmente corrotto, un legame ancestrale con Gesù Cristo e un tesoro nascosto, la storia di Bérenger Saunière e Rennes-le-Château è come qualcosa che ci si aspetterebbe di vedere nei cinema, non nei libri di storia. 

Quando il prete francese di una piccola città affermò di aver individuato un’enorme quantità di tesori nel 1890, mise inconsapevolmente in moto una storia che avrebbe continuato a svilupparsi molto tempo dopo la sua morte.

Cosa, semmai, il prete Bérenger Saunière ha trovato nascosto nella sua chiesa fatiscente durante i lavori di ristrutturazione? In che modo un autore francese ha potuto utilizzare la storia negli anni ’60 per rivendicare il proprio legame ancestrale con Gesù Cristo? E come si collega questa storia al romanzo bestseller di Dan Brown Il codice da Vinci?

Bérenger Saunière e la prima scoperta a Rennes-le-Château

Rennes-le-Château
Il sacerdote Bérenger Saunière fu inviato a Rennes-le-Château.

Bérenger Saunière (1852-1917), un prete cattolico francese originario di Montazels, si ritrovò a Rennes-le-Château dopo essere stato trasportato lì perché presumibilmente “troppo indipendente”. Al suo arrivo, è stato accolto da una chiesa fatiscente da ristrutturare e da un minuscolo villaggio di 300 abitanti: non si trattava certo di una promozione.

È difficile decifrare cosa accadde realmente quando Saunière iniziò i lavori di ristrutturazione, poiché le fonti sono un po’ oscure. Alcune fonti affermano che il sacerdote abbia trovato antiche pergamene, un’altra dice che abbia trovato monete d’oro. Quello che sappiamo per certo è che ha trovato la Pietra del Cavaliere, conosciuta in francese come Dalle des Chevaliers.

La pietra del cavaliere era una scultura medievale raffigurante quello che sembra essere un cavaliere o una caccia. Si dice che la pietra fosse originariamente la pietra di copertura della cripta che si trova sotto la chiesa. Saunière avrebbe trovato la pietra a faccia in giù e si sarebbe avvalsa dell’aiuto di due operai locali, Adrien Marre e Fèliciean Marceau, per sollevarla.

La leggenda narra che il sacerdote abbia trovato un piccolo foro sotto la pietra in cui si trovava un piccolo vaso che conteneva alcune monete d’oro, una collana visigota (antico popolo tedesco operante durante il periodo romano) e un calice d’oro del XIII secolo circa.

A quanto pare Saunière ha detto agli operai di essersi imbattuto in medaglioni senza valore e poi li ha mandati via. Ironia della sorte, non si rese conto dell’importanza della pietra stessa poiché la usò come trampolino di lancio per il Calvaire, dove fu successivamente riscoperta negli anni ’20.

Bérenger Saunière
Il sacerdote Bérenger Saunière

Voci di tesoro: Bérenger Saunière e la sua ritrovata ricchezza

Qualunque cosa Bérenger Saunière avesse individuato, tesoro o no, iniziò a comportarsi in modo piuttosto strano. Si dice che sia stato visto di notte, accompagnato dalla sua giovane governante, Marie Denarnaud, scavare tombe all’interno del terreno della sua chiesa. Alla fine, il consiglio comunale ha presentato una denuncia ordinando loro di smettere di disturbare le tombe.

Dopo circa cinque anni di strani comportamenti e scavi, il prete, che avrebbe dovuto guadagnare il salario minimo, improvvisamente sembrò estremamente ricco. Gli individui affermarono che iniziò a spendere generosamente e decorare la chiesa, acquistando diversi appezzamenti di terreno e costruendosi un’imponente tenuta chiamata Villa Bethania.

La tenuta comprendeva una grande torre (la Torre Magdala) dove studiava, un giardino con piscina, un’aranciera e persino una gabbia di scimmie. Saunière arrivò persino a trasferire la sua giovane governante, suo fratello e suo padre.

Naturalmente, gli abitanti del villaggio non erano ciechi di fronte allo strano comportamento di Saunière e si accorsero presto di questo cambiamento estremo. Alle loro domande, il sacerdote ha semplicemente risposto che era stata la benedizione di Dio a renderlo così ricco. Ma iniziarono a circolare voci secondo cui aveva trovato un tesoro da qualche parte.

Un’analisi dettagliata dei suoi resoconti e registri mostra che aveva ricevuto 110.000 richieste di dire messa, che è molto di più di quanto avrebbe mai potuto dire considerando che un prete poteva dire messa solo tre volte al giorno. Nel 1880 la tariffa per una messa era di un franco (questo salì a 1,5 al momento della morte di Saunière). Pertanto, dalla vendita di messe, avrebbe potuto guadagnare solo circa 150.000 franchi, che è meno di un quarto della presunta fortuna che aveva accumulato.

È quindi plausibile, per alcuni, presumere che debba aver fatto qualche tipo di scoperta durante la sua vita per acquisire una tale fortuna. Tuttavia, quando morì nel 1917, Bérenger Saunière non aveva un soldo a suo nome. Lasciò la sua proprietà alla sua governante, Marie Denarnaud, che lottò per mantenerla per 30 anni e dovette persino ricorrere alla vendita di pezzi per mantenersi.

Villa Bethania a Rennes-le-Château di Bérenger Saunière
Villa Bethania a Rennes-le-Château era la tenuta di Berenger Saunière e successivamente fu acquistata da Noël Corbu.

Noël Corbu entra in scena

Nel 1946, un uomo di nome Noël Corbu acquistò la tenuta dalla Marie in difficoltà. Conoscendo la storia di Saunière, Corbu prevedeva il potenziale che aveva per attirare le persone e così aprì un ristorante nella tenuta. Ha anche cercato nella proprietà eventuali indizi su dove fosse il tesoro o cosa gli fosse successo, ma non trovò nulla.

Si dice che Marie abbia promesso di rivelare a Corbu sul letto di morte un segreto che lo avrebbe reso potente e ricco. Sfortunatamente per Corbu, non ha mai sentito il segreto. Alcune settimane prima di morire, Marie ebbe un attacco che la rese incapace di parlare o scrivere, il che significava che questo segreto morì con lei.

Corbu decise di inventare la storia originale di Saunière e ciò che ascoltiamo oggi è in gran parte dovuto a Corbu. Sfortunatamente, a causa del passare del tempo e della distruzione dei documenti, ora è impossibile distinguere i fatti dalla finzione. Molte delle storie raccontate oggi su Berenger Saunière sono un misto di entrambe, il che le rende ancora più difficili da sezionare.

La storia sviluppata da Corbu sosteneva che il sacerdote avesse trovato una collezione di monete che erano statate nascoste da Bianca di Castiglia (dal 1188 al 1252). Bianca non era solo la regina di Francia per matrimonio con Luigi VII, ma anche una principessa di Castiglia a pieno titolo. Suo padre era Alfonso VIII, re di Castiglia, ed Eleonora d’Inghilterra, sorella del re Giovanni d’Inghilterra. Corbu affermò di aver trovato solo una parte della fortuna e che il resto era ancora nascosto.

L’affermazione di Corbu era in qualche modo confermata dalle storie di un pastore chiamato Ignace Paris che nel 1645 trovò alcune monete sul terreno che ora è Rennes-le-Château. La leggenda racconta che Paride fu ucciso quando fece sapere di aver localizzato il tesoro. La storia attirò molta attenzione e nel 1661 fu riportata da Lean Loret nella sua rivista La Muze Historique .

A causa del clamore mediatico che ha causato, sembra possibile che la storia sia in parte vera. Deve essere successo qualcosa di interessante dovuto al fatto che molte persone ricche e potenti furono coinvolte. Tuttavia, oggi non è chiaro esattamente cosa sia successo nella prima età moderna di Rennes-le-Château. Tuttavia, la storia inventata di Corbu raggiunse un pubblico ancora più vasto quando, nel 1956, un giornale locale pubblicò un’intervista con lui. Ha portato ancora più visitatori nel piccolo villaggio e, convenientemente, al ristorante di Corbu.

Pierre Plantard
Pierre Plantard, il futuro fondatore del Priorato di Sion, fu incuriosito dalla storia di Bérenger Saunière.

Pierre Plantard, il Priorato di Sion e Gesù Cristo

Negli anni ’60, la storia aveva attirato l’attenzione del disegnatore francese e futuro fondatore del Priorato di Sion, Pierre Plantard. Il Priorato di Sion era una società segreta che, affermò Plantard, era iniziata nel 1099 con l’obiettivo di reintegrare i re merovingi in Francia.

I re merovingi furono i governanti della Francia fino al settimo secolo. La linea si estinse quando morì l’ultimo erede, tuttavia Plantard e la sua società segreta affermarono che un figlio era effettivamente fuggito. Apparentemente questo figlio era fuggito a Rennes-le-Château e per caso era il bis-bisnonno di Plantard.

Plantard si recò a Rennes-le-Château per discutere di storie di tesori con Corbu. Giunsero alla conclusione che Saunière non aveva effettivamente individuato il tesoro di Bianca, ma in realtà aveva trovato pergamene che dimostravano che la linea di sangue merovingia esisteva ancora.

Poco dopo questa discussione Corbu fece un’altra intervista, ma questa volta non si fece menzione di Bianca e del suo tesoro. Invece Corbu parlò del sacerdote e delle sue pergamene. Corbu chiarì che queste pergamene fornivano la prova della linea di sangue merovingia e dimostravano che esisteva ancora.

Alla fine, questa storia raggiunse l’autore francese Gerard de Sède (Géraud-Marie de Sède, barone de Liéoux) che incontrò Plantard per ottenere maggiori dettagli. Nel 1967 De Sède pubblicò un libro sull’argomento intitolato L’Or de Rennes.

Il manoscritto stesso era uno di quelli che Plantard aveva già scritto ma non riuscì a trovare un editore. De Sède riscrisse ampiamente il libro e alla fine riuscì a trovare un editore. In questo libro, la storia è stata raccontata come fatto storico e copie di due delle pergamene sono state incluse come prova. Tuttavia, queste pergamene si rivelarono presto false, forgiate da un uomo di nome Philippe de Cherisey e piantate nella Biblioteca Nazionale di Francia.

Cristo
Cristo in casa di Marta e Maria di Henryk Siemiradzki.
La palla di neve cresce: realtà e finzione si intrecciano

Il libro di De Sède ha attirato l’attenzione della BBC in Gran Bretagna. Hanno raccolto la storia e realizzato una serie di documentari sull’argomento che a sua volta ha portato a un altro libro nel 1982 intitolato Holy Blood, Holy Grail scritto da Michael Baigent, Richard Leigh e Henry Lincoln.

Holy Blood, Holy Grail ha ampliato la storia sviluppata da Corbu e Plantard e ha affermato che Gesù aveva sposato Maria Maddalena e aveva avuto almeno un figlio con lei. Dopo la sua crocifissione, Maria era fuggita in Francia con questo bambino e forse altri.

Le discendenze di Gesù Cristo si unirono poi in quella che sarebbe diventata la linea merovingia. Ciò significava che non solo il lignaggio di Plantard era legato a una stirpe di re francesi, ma lo collegava anche a Gesù stesso. Plantard non era l’unico discendente di questa linea, tuttavia, ed è per questo che era stato creato il Priorato di Sion, per proteggere questi individui.

Questo libro, Holy Blood, Holy Grail ha poi ispirato l’autore Dan Brown, che nel 2003 ha scritto il suo bestseller Il Codice Da Vinci. Ha persino chiamato uno dei suoi personaggi Jacques Saunière dopo il prete originale.

La storia di Bérenger Saunière dimostra come realtà e leggenda si intreccino spesso nei racconti della storia. Man mano che le storie vengono tramandate di generazione in generazione, si formano come una palla di neve, raccogliendo più neve ad ogni turno finché la vera storia non viene sepolta in profondità negli strati di fabbricazione e mito.

La storia illustra la lotta che gli storici e gli archeologi devono affrontare quando si tratta di autenticare affermazioni storiche e la difficoltà nell’accettare il fatto che a volte potremmo semplicemente non conoscere mai la verità.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Fonte

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Gesù è un’elaborata bufala: la storia di Bérenger Saunière”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina