Giganti nell’antico Egitto? Un “dito mummificato” potrebbe confermarlo

La credenza nei giganti non risale a un semplice mito. Ci sono molte prove archeologiche, accettate e non riconosciute, che suggeriscono la sua esistenza. È il caso del dito colossale ritrovato in Egitto.

dito gigante vicino banconota
Dito accanto a una banconota da 20 sterline egiziane per confrontare le dimensioni.

Studiosi di antiche culture che hanno abitato il mondo migliaia di anni fa sono convinti che i giganti vagassero per la Terra.

Sebbene la scienza riconosca l’esistenza di uomini anormalmente grandi attraverso il gigantismo, le prove archeologiche, che non sono state accettate dal mainstream, mostrano che non si trattava di una malattia.

Potrebbe essere il caso di uno strano dito mummificato ritrovato in Egitto, che ha dimensioni che superano quelle dell’essere umano medio.

Il dito del gigante in Egitto

Nel marzo 2012 la rivista tedesca Bild ha pubblicato un articolo in cui affermava che i resti di un gigante erano stati trovati in territorio egiziano.

Il dito, che era mummificato, aveva tutte le caratteristiche di un essere umano, tranne la sua dimensione, che era lunga 15 pollici.

Secondo la pubblicazione, le fotografie sono datate 1988, ma queste non erano mai venute alla luce, fino a quando il giornale non è riuscito ad impossessarsene.

Le immagini sono state scattate dall’imprenditore svizzero e appassionato di storia e cultura dell’antico Egitto, Gregor Spoerri.

Nel 1988, dice, uno dei fornitori privati ​​egiziani, Bir Hooker, promise di organizzare un incontro con un ex ladro di tombe.

L’incontro ha avuto luogo in una piccola casa ottenuta da Hooker, 100 chilometri a nord-ovest del Cairo.

L’uomo d’affari ha ricevuto una grande borsa con un odore piuttosto forte. Aprendolo, trovò l’enorme dito avvolto in stracci. Ovviamente Spoerri decise di rifiutare i 300 dollari richiesti dall’uomo per fotografarli.

Per controllare le dimensioni del dito, l’uomo posizionò una banconota da 20 sterline egiziane accanto al dito. Questo era asciutto e molto leggero, ma intatto. Soperri ha assicurò che la creatura doveva essere alta almeno 5 metri.

dito gigante
Radiografia che presumibilmente dimostrerebbe l’autenticità del dito mummificato.

La sua veridicità è stata dimostrata quando il saccheggiatore ha mostrato una radiografia del dito mummificato, che ha eseguito negli anni ’60, mostrando anche il certificato di autenticità.

Una razza che ha camminato sulla Terra?

Nonostante l’imprenditore gli avesse chiesto di vendere la reliquia, l’uomo ha rifiutato, sostenendo che il valore che aveva per la sua famiglia era inestimabile.

Successivamente Spoerri ha mostrato le immagini a colleghi e specialisti, che le hanno rifiutate. Tutti sostenevano che fosse semplicemente “impossibile” che esistesse qualcuno di quelle dimensioni.

Nel 2009, l’uomo d’affari ha nuovamente visitato Hooker per ottenere nuove fotografie del dito gigante. Tuttavia, non è stato in grado di trovare il saccheggiatore.

Sebbene questa storia sembri abbastanza incredibile, non è la prima volta che si parla di giganti nell’antico Egitto.

Nell’anno 79 d. C., lo storico romano, Giuseppe Flavio, scrisse che l’ultimo membro della razza dei giganti visse nel secolo XIII a. C., durante il regno di re Josué.

Inoltre, disse che avevano corpi colossali e i loro volti erano così diversi dagli umani, che guardarli generava stupore e la loro voce provocava paura.

Gli scienziati affermano che i giganti non sono altro che personaggi di fantasia, dal momento che non ci sono prove che gli ominidi siano cresciuti fino a tali dimensioni. Tuttavia, le scoperte enigmatiche che potrebbero dimostrare il contrario si stanno accumulando.

 

VEDI ANCHE▶ Cavallo di Troia: il diario di un pilota e i suoi “viaggi nel tempo”

A cura di Ufoalieni.it

Sostienici con una donazione. Il tuo sostegno è prezioso.

350Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina