I fossili di denti di 9,7 milioni di anni potrebbero riscrivere la storia

Recentemente sono stati scoperti fossili di denti risalenti a 9,7 milioni di anni fa. Ora, un politico tedesco dice che questa scoperta potrebbe riscrivere la storia umana.

fossili di denti
Si credeva che i denti si trovassero solo in Africa.

In Germania, sulle rive del fiume Reno, in una città conosciuta come Eppelsheim, un team di scienziati ha effettuato una spedizione in cui sono stati trovati dei denti fossili.

Secondo un’analisi fatta dagli archeologi, hanno abbinato i resti di un primate noto come “Lucy”. Ma questo primate abitava l’Etiopia.

Denti fossili che non corrispondono alla storia

Il primate “Lucy” era altamente correlato con l’uomo e la sua estinzione è stimata circa tre milioni di anni fa. Nella stessa Etiopia.

Questi resti rinvenuti in Germania, racchiudono un innato parallelismo rispetto ad altre specie scoperte nei continenti europei o asiatici.

Deutsche Welle, uno degli scienziati del team che si è imbattuto in questo grande mistero, ha affermato che la scoperta dei fossili è avvenuta nel 2016.

Tuttavia decisero di tacere. Questo fino a quando non si ottengono risultati affidabili per poter confermare che ciò che inizialmente temevano fosse reale.

Il capo del team di scienziati della spedizione, che è anche direttore del Museo di Storia Naturale di Magonza, Herbert Lutz, nel suo ha dichiarato quanto segue:

I denti sono ovviamente di scimmia, con caratteristiche simili alle scoperte africane da 4 a 5 milioni, più giovani dei fossili che sono stati scavati a Eppelsheim, siamo stati davvero molto fortunati, ma allo stesso tempo questo è un grande mistero“.

Alla conferenza stampa in cui è stata resa nota al mondo la scoperta, era presente anche il sindaco di Magonza, Michael Ebling, che ha rilasciato dichiarazioni sorprendenti.

Per il politico, questa scoperta potrebbe riscrivere totalmente la storia umana.

Questa nuova scoperta sorprenderà gli esperti, ha affermato l’archeologo Axel von Berg.

uomo e ominide
Questa scoperta cambia completamente ciò che si credeva degli ominidi.

Dopo un anno di ricerca, Lutz ha dichiarato di poter pubblicare i primi dati ottenuti più il contenuto dell’opera.

In questo modo, può iniziare uno studio globale dei resti, il che implica che l‘enigma di questi fossili è solo all’inizio.

Riscrivere il canone storico?

Oggi è nota una grande varietà di specie che vivevano in Europa milioni di anni fa. Tuttavia, gli ominidi non sono uno di questi.

Questa scoperta ha rivelato che queste specie erano correlate con gli umani, se abitavano questa zona della Terra e non solo nel continente africano.

La comunità scientifica ha avuto l’approvazione nel secolo scorso per dichiarare che gli esseri umani moderni si sono evoluti nell’Africa orientale. In un periodo di tempo compreso tra 400.000 e 200.000 aC. Prima che si disperdessero per il resto del pianeta circa compiono 70.000 anni.

Tuttavia, nonostante queste “informazioni ufficiali” che ci sono state insegnate dalle scuole, sono stati scoperti resti fossili che contraddicono totalmente questo canone storico.

Questi fossili sono stati esposti nel Museo di Storia Naturale di Maiz, ricevendo migliaia di visite, ma diversi campioni sono nei laboratori, in fase di studio e analisi.

Ancora una volta, una scoperta mette in discussione la storia che conosciamo e può essere riscritta, se gli studiosi ortodossi lo permetteranno. Anche questa scoperta verrà messa a tacere come tante altre in passato?

 

VEDI ANCHE▶Nanostrutture di 300.000 anni nei monti Urali: tecnologia aliena?

A cura di Ufoalieni.it


Resources

Archaeologist Lutz: ‘We really weren’t expecting this tremendous discovery’
https://www.dw.com/

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ufo e Alieni

Pin It on Pinterest

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina