Nanostrutture di 300.000 anni nei monti Urali: tecnologia aliena?

Un team di archeologi durante un’indagine hanno trovato strani oggetti microscopici; misteriose nanostrutture nei monti Urali in Russia.

Durante un’indagine geologica per l’estrazione dell’oro nel 1991, un gruppo di archeologi si è ritrovato sulle rive dei fiumi Balbanyu, Narada e Kozhim , nei monti Urali. Nel processo, hanno trovato nanostrutture. Alcuni oggetti microscopici estremamente strani.

Nanostrutture negli Urali

Monti Urali
Monti Urali, in Russia.

A causa delle dimensioni minute delle strutture, vari teorici suggeriscono che siano state realizzate da una civiltà avanzata molto antica.

Questa civiltà potrebbe avere, circa 300.000 anni fa, la capacità di sviluppare la nanotecnologia.

Hanno trovato bobine metalliche e assi a spirale che compongono l’elenco delle nano parti rare. Questi sono stati trovati incastonati in una roccia di oltre 100.000 anni.

Questa nanotecnologia, inoltre, è stata classificata come un Oopart, ovvero un oggetto fuori dal tempo. Gli scienziati hanno convenuto che è impossibile che tale tecnologia abbia circa 300.000 anni.

Perché un oggetto possa essere considerato un Oopart, deve essere unico e poco conosciuto nei documenti archeologici storici o paleontologici.

Gli scienziati lo classificano come qualcosa di “anormale”, poiché si trovano in tempi e luoghi dove “non dovrebbero essere “. Quindi, contraddice la storia tradizionale.

La ricerca tradizionale su questi oggetti è solitamente alla ricerca di una spiegazione logica. Per l’archeologia è ” impossibile dire” che ci fosse un grado di tecnologia e di cultura più avanzato di quanto sia noto al mondo accademico.

Tuttavia, i ricercatori alternativi sono convinti dell’esistenza di antichi astronauti. O esseri extraterrestri che hanno visitato la Terra in passato.

Gli strani oggetti nanostrutture
Gli strani pezzi sono gli stessi usati nei razzi e nelle astronavi.

Indagine scoperta Discovery

Lo studio è stato originariamente condotto dall’Accademia Russa delle Scienze di Syktyvkar. Dopo aver eseguito diversi test sulle nanostrutture, gli esperti hanno riscontrato strane caratteristiche.

I pezzi più grandi sono in puro rame, quelli più piccoli in molibdeno e tungsteno. Questi metalli sono stati utilizzati nella fabbricazione di missili e veicoli spaziali grazie alla loro elevata resistenza alle alte temperature.

La lunghezza dell’oggetto più piccolo è solo un decimo di pollice.

Successivamente, sono stati sottoposti a indagini approfondite presso strutture di Mosca, San Pietroburgo e Helsinki per trovare indizi sulla loro origine.

Gli scienziati hanno concluso che questi componenti non erano un prodotto della natura, ma che la loro origine è artificiale. In breve, sono stati costruiti.

Gli esperti hanno affermato che le nanostrutture erano le parti del razzo della base di lancio di Plesetsk.

Tuttavia, un rapporto del 1966 escludeva questa possibilità, poiché l’analisi mostrava che erano stati trovati in grande profondità.

Come se la scoperta di questi oggetti non fosse abbastanza misteriosa, i Monti Urali sono sempre stati oggetto di teorie e strani eventi.

Uno degli eventi più enigmatici che si sono verificati nella regione è stato l’incidente del passo Dyatlov. Un gruppo di escursionisti russi è stato trovato morto in strane circostanze.

Molte teorie sono state create dall’evento, dagli UFO, dagli esperimenti segreti. Anche da uno Yeti o da tribù sconosciute.

Potrebbero essere tecnologia aliena? Se così fosse, queste nanostrutture confermerebbero la visita di antichi astronauti nel remoto passato.

 

VEDI ANCHE▶ Una struttura di 9.350 anni trovata nel Mediterraneo “potrebbe riscrivere la storia”

A cura di Ufoalieni.it

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ufo e Alieni

Pin It on Pinterest

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina