Il “caso Roswell” in Grecia: un impressionante incidente UFO

Il “caso Atalanti” è considerato il più importante incidente UFO in Grecia e uno dei più strani avvenuti in tutta Europa.

caso roswell greco

C’è un rapporto dell’esercito greco, che afferma che, la notte del 2 settembre 1990, una flottiglia composta da 12 a 17 oggetti volanti non identificati è stata osservata in più località della Grecia continentale.

Il caso Roswell-Atalanti

Dopo aver sorvolato il Peloponneso, questa flottiglia si voltò e si diresse a nord. Intorno alle 21:30, mentre sorvolava la città di Atalanti (che si trova a circa 150 km a nord-ovest di Atene), uno degli UFO ha iniziato a separarsi dalla formazione della flotta.

Diversi testimoni hanno affermato che la nave sembrava avere qualche tipo di problema, poiché ha cambiato colore, in rosso, e sembrava aver preso fuoco.

Allo stesso tempo, sono stati sentiti come tre esplosioni nel cielo (altri rapporti parlano di rumori metallici). Come avrebbe potuto la gente del posto sentire a un tale rombo?

Segue il rapporto e documenta, sempre secondo i testimoni, che la nave è approdata sulla sommità di una collina, dove si trova una chiesetta in onore di Elías, situata a pochi chilometri da Atalanti.

I residenti che hanno osservato l’incidente da una distanza di circa 1 chilometro, hanno immediatamente informato la polizia di quanto stava accadendo, ma la posizione era molto difficile da raggiungere di notte.

La nave sembrava essere in difficoltà, il resto della flottiglia era immobile sopra i cieli di quel luogo, in un apparente tentativo di proteggerla.

La concentrazione di tutte le navi su quella collina illuminò a tal punto la zona da permettere ai testimoni, per lo più contadini, di vedere gli oggetti, descrivendoli come rotondi e di dimensioni simili a un trattore.

Secondo uno dei testimoni che si trovava nella zona e che è anche riuscito ad avvicinarsi molto al luogo di atterraggio, ha visto degli esseri molto strani: piccoli umanoidi che sembravano lavorare per riparare la sua nave.

L’incidente è durato dalle 21:30 alle 03:00. Gli umanoidi riuscirono a riparare la nave e l’intera flotta decollò subito. Gli abitanti non hanno perso tempo e hanno visitato il luogo la mattina successiva.

Hanno scoperto che l’erba era bruciata e che dal terreno usciva ancora del fumo. Alcuni oggetti raccolti come cavi, parti metalliche e un artefatto simile a una spugna di mare.

Poco tempo dopo, l’esercito greco pubblicò questo rapporto, che si concentrava sull’attrezzatura trovata, poiché i pezzi includevano una spina di rame del diametro di 11 cm e con una scritta araba incisa.

Un filo di rame collegato a quella spina; isolamento del cavo (un materiale simile alla seta); una copertura di plastica bruciata; un anello in acciaio e tre barre in acciaio di 10 cm ciascuna con un interruttore con la lettera greca Φ (F).

Il rapporto ha concluso che i pezzi probabilmente appartenevano a un vecchio satellite, ma questa è una versione a cui i testimoni all’epoca si sono rifiutati di credere, poiché i satelliti non atterrano o decollano come hanno fatto le suddette navi misteriose.

Cosa ne pensi? Quale sarà la verità dietro questo incidente?

VEDI ANCHE▶ Ex militari: “Gli UFO mappano la Terra come Google Maps”

A cura di Ufoalieni.it

Sostienici con una donazione. Il tuo sostegno è prezioso.
419Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina