In 500 anni la Terra potrebbe trasformarsi in un “mondo alieno”

Una recente analisi ha mostrato che nessuno dei paesi del G20 è preparato con un piano per il cambiamento climatico. Gli scienziati hanno previsto che se nulla cambia presto, la Terra potrebbe essere completamente inabitabile in meno di 500 anni.

Un team internazionale di climatologi, antropologi, paleontologi ed ecologi ha affermato che se la temperatura media non smette di aumentare fino all’anno 2500, la Terra potrebbe diventare inadatta alla vita umana.

Nel loro lavoro, hanno considerato tre possibili scenari, nel peggiore dei quali le regioni che sono state a lungo centri di cultura e sviluppo delle specie diventeranno sterili. Hanno anche presentato illustrazioni che mostrano come la vita cambierà in diversi scenari in tre regioni: l’Amazzonia, l’India e il Midwest.

Terra nel 2500: un “mondo alieno” inabitabile?

Predizioni

Le previsioni tradizionali sui cambiamenti climatici di solito si fermano intorno al 2100, poiché prevedere più in anticipo nel tempo è più o meno inutile. Mancano 80 anni alla fine di questo secolo e sebbene gli scienziati abbiano idee sui cambiamenti generali che avverranno, è difficile prevedere cosa accadrà prima dell’inizio del 22° secolo.

Cosa accadrà prima del 2100?

Gli scienziati fanno notare che l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite suggerisce che entro il 2100 la temperatura potrebbe salire a un pericoloso 2,7 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali. Ciò porterà a incendi, siccità, uragani, inondazioni e calore senza precedenti. Inoltre, causerà profondi cambiamenti negli ecosistemi marini e terrestri.

Terra fra 500 anni
Questa immagine illustra l’aspetto della regione amazzonica intorno al 1500, oggi e tra 500 anni. Credito: Lyon et al., 2021/CC BY-ND

E la Terra nel 2500?

Nel loro nuovo studio, i ricercatori hanno deciso di esaminare il possibile stato del nostro pianeta tra 500 anni. I risultati delle ultime simulazioni mostrano che la Terra nel 2500 potrebbe infatti diventare quasi o del tutto inabitabile. Il nostro pianeta natale potrebbe diventare “alieno” per noi a meno che il mondo intero non cambi il suo stile di vita.

Scenari

Gli scienziati hanno esaminato tre scenari per gli eventi fino a 2500: bassa mitigazione, riscaldamento globale, medio e alto, che corrisponde agli obiettivi dell’accordo di Parigi (innalzamento della temperatura media sotto i 2 gradi Celsius).

Le temperature continueranno a salire

Gli scienziati hanno anche simulato la diffusione di piante, colture e stress da calore. La simulazione ha mostrato che negli scenari peggiori e medi, la temperatura continuerà ad aumentare dopo il 2100.

Terra fra 500 anni 2
Questa immagine illustra come potrebbe apparire il Midwest nella Terra simulata nel 2500. La prima immagine mostra il periodo pre-colonizzazione, quindi vediamo lo stato attuale. La terza immagine mostra l’adattamento agricolo in un momento in cui gli umani potrebbero non essere in grado di vivere in questa parte del globo. Vediamo che le colture sono curate da droni, il che suggerisce che la raccolta delle colture sarà possibile con una presenza umana limitata. Credito: Lyon et al., 2021/CC BY-ND

Vegetazione

Di conseguenza, la vegetazione e la superficie coltivata si sposteranno più vicino ai poli e regioni come il bacino amazzonico diventeranno sterili.

Stress da calore

Nelle regioni tropicali, ora sovraffollate, i livelli di stress da calore possono essere fatali per l’uomo. Queste regioni potrebbero diventare inabitabili. Anche nel migliore dei casi, il livello del mare continuerà ad aumentare a causa dell’espansione e della miscelazione dell’acqua negli oceani in fase di riscaldamento.

Accordo di Parigi

L’Accordo di Parigi è stato firmato nel 2015 e ha un obiettivo principale: ridurre l’aumento della temperatura media globale a meno di 2 gradi prima dell’inizio del 22° secolo. Sfortunatamente, l’ultima analisi del cambiamento climatico ha rivelato che nessuna delle più grandi economie del mondo è pronta ad apportare i cambiamenti necessari.

Terra fra 500 anni 3
La terza e ultima immagine mostra il subcontinente indiano sulla Terra nel 2500, se i cambiamenti climatici previsti continueranno. Ancora una volta, vediamo un’illustrazione del 1500, una versione attuale, e come potrebbe apparire tra 500 anni. Credito: Lyon et al., 2021/CC BY-ND

Nessun piano d’azione

L’analisi che abbiamo menzionato includeva 36 paesi e i paesi del G20. I risultati hanno mostrato che nessuna nazione disponeva di un piano d’azione efficiente per raggiungere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi. In uno studio precedente di quest’anno, è stato rivelato che l’umanità deve ridurre l’uso del carbone del 90% e lasciare il 60% del petrolio e del gas naturale non estratti. E questo è il minimo indispensabile che, purtroppo, non basterebbe nemmeno per aiutarci a realizzare l’obiettivo dell’accordo.

Umani nello spazio o una Terra sterile nel 2500?

Chissà, forse l’umanità vivrà nello spazio entro il 2500 e la nostra specie non morirà sul suo pianeta natale. Tuttavia, non c’è certezza in questo scenario e con tutti i mezzi, nessuno di noi sarà vivo per vedere se accadrà o meno.

Detto questo, è nostro dovere cambiare il nostro stile di vita perché se non agiamo ora, non potrebbe esserci più tardi. Se ci pensi, i nostri nipoti vivranno per vedere il 22° secolo e lo stato del pianeta ora dipende da noi.

Ovviamente, gli sforzi globali per ridurre al minimo i cambiamenti climatici sono iniziati con qualche secolo di ritardo, ma non è troppo tardi per limitare il nostro impatto attuale. Tutto sommato, il cambiamento climatico e il riscaldamento globale sono inevitabili e un processo che si ripete sulla Terra.

Con o senza di noi, accadrà, ma è un dato di fatto che le nostre azioni sono ciò che lo accelera.

VEDI ANCHE▶ “Prevedere il futuro è possibile negli esseri umani”, secondo gli scienziati

A cura di Ufoalieni.it

165Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina