Incidente UFO di Falcon Lake: “Attaccato da alieni”

L’incidente UFO di Falcon Lake è considerato il più documentato di tutta la storia canadese. Un immigrato polacco ha catturato due imbarcazioni a forma di sigaro che sorvolavano Manitoba.

Disegno UFO di Falcon Lake
Disegno con cui Michalak ha cercato di illustrare l’incidente UFO di Falcon Lake

Stefan Michalak, 51 anni, era un saldatore meccanico appassionato di geologia, che lo ha portato a visitare spesso luoghi remoti. Questo è stato ciò che lo ha portato a sperimentare l’incidente UFO di Falcon Lake.

Il 20 maggio 1967, verso le 12,00, Michalak si avvicinò a un’area paludosa vicino a un ruscello nell’area del Lago Falcon.

L’incidente ufo di Falcon Lake

L’uomo osservò come uno stormo di oche si comportava in modo estremamente strano. Ha cercato di fuggire dal luogo ma, dopo pochi metri, si è fermato.

Alzando lo sguardo, guardando una vicina spianata, si imbatté in 2 oggetti metallici a forma di sigaro, con delle cupole in cima. Entrambi gli oggetti erano a 45 gradi di altitudine e stavano scendendo.

Michalak ha raccontato che, quando una delle navi è atterrata, la porta si è aperta. Quando decise di avvicinarsi per osservare meglio, iniziò a sentire strane voci.

Sebbene non potesse vedere nessuno, vide strane luci lampeggianti di vari colori all’interno della nave. Il secondo UFO non è mai atterrato; ha continuato a levitare per alcuni metri prima di salire.

Il polacco si avvicinò un po’, per vedere se riusciva a identificare un logo militare, ma il portello si chiuse.

La nave iniziò a salire, espellendo calore rovente e provocando esplosioni di aria e gas che emanavano dalle bocchette poste sulle fiancate. Michalak è volato via di qualche metro e la sua camicia ha preso fuoco.

L’uomo si è ritrovato con strane ustioni all’addome. Il cappello che indossava ha subito la stessa sorte, insieme al guanto con cui ha toccato la nave.

Ha affermato che mentre si strappava i vestiti e fuggiva dal luogo, un forte odore di zolfo lo invase.

Come previsto, le autorità, all’inizio, non credevano alla storia di Stefan, sebbene facesse persino dei disegni, cercando di descrivere la nave nel modo più dettagliato possibile. Un ufficiale ha anche affermato di aver mostrato chiare prove di essere sotto l’influenza dell’alcol.

Stefan Michalak con le ustioni.
Stefan Michalak con le ustioni.

Dopo l’evento

Michalak ha negato di aver bevuto, né ha permesso che le sue ferite fossero curate per paura di essere contaminato dalle radiazioni emanate dall’UFO.

Il rapporto ufficiale affermava che Stefan Michalak aveva ferite sul corpo, che erano state fatte con una sostanza nera, forse cenere di legno.

In nessun momento hanno creduto alla versione dei fatti. Gli agenti si sono offerti di portarlo dove voleva, ma l’uomo non ha accettato. Non voleva tornare a casa per paura di contaminare la sua famiglia.

In pochi giorni, Michalak si avvicinò a un giornale locale per raccontare la storia dell’incidente UFO di Falcon Lake e quindi evitare voci che fosse ubriaco.

Anche se, curiosamente, un testimone apparso all’improvviso ha affermato di aver venduto diverse bottiglie di birra la sera prima.

Le ustioni sul corpo di Stefan hanno continuato ad apparire e scomparire nel tempo. Soffriva anche di altri effetti collaterali, come diarrea, mal di testa, vomito, perdita di peso, e a volte era disorientato.

Il figlio di Stefan, Stan, ha dichiarato che all’epoca aveva solo 9 anni. Ricorda di averlo visto tornare a casa malato e ferito nei giorni dell’incidente UFO di Falcon Lake.

Inoltre, ha dovuto vedere come la salute di suo padre si è deteriorata nel tempo. 50 anni dopo, decise di scrivere un libro sull’incidente UFO di Falcon Lake, intitolato: “When The Appeared“.

Stefan Michalak è morto nel 1999, all’età di 83 anni. Non è mai stato in grado di riguadagnare la sua salute dopo l’incidente UFO di Falcon Lake. Ad oggi, l’evento UFO più dettagliato nella storia canadese.

VEDI ANCHE▶ Amministratore della NASA: “Non credo che siamo soli nell’Universo”

A cura di Ufoalieni.it

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...
691Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina