Kit di 3.800 anni per lavorare l'oro trovato presso Stonehenge! | Ufo e Alieni
Dom. Apr 14th, 2024

Un team di archeologi delle Università di Leicester e Southampton nel Regno Unito ha appena pubblicato uno studio che riporta che gli enigmatici manufatti recuperati da un significativo tumulo funerario dell’età del bronzo vicino a Stonehenge sono in realtà i resti di un kit di strumenti di 3.800 anni utilizzato per lavorare con l’oro.

Il vero scopo di questi strumenti in pietra e lega di rame, che facevano parte di un vasto deposito di corredi funerari associati a due corpi sepolti, non era stato precedentemente individuato.

Il mistero del kit di 3.800 anni: scoperta sorprendente vicino a Stonehenge

Questo nonostante il fatto che questo toolkit di 3.800 anni sia stato originariamente scoperto più di 200 anni fa in un sito di scavo vicino al villaggio di Upton Lovell, nella contea di Wiltshire.

Ma il mistero di cosa servissero gli strumenti trovati nel sito di Upton Lovell G2a è stato finalmente risolto, grazie alla tecnologia moderna e ai sofisticati metodi di analisi.

Adottiamo un nuovo approccio ai corredi funerari, impiegando l’analisi della microusura e la microscopia elettronica a scansione per mappare una storia delle interazioni tra persone e materiali“, hanno spiegato gli autori del nuovo studio, in un articolo appena pubblicato sulla rivista Antiquity.

Ciò ha comportato un esame degli strumenti più dettagliato di quanto non fosse mai stato eseguito prima. Usando queste metodologie, i ricercatori hanno trovato minuscole tracce d’oro sulle superfici o sui bordi di cinque strumenti che formavano il toolkit di 3.800 anni.

Ciò ha dimostrato che gli oggetti in pietra e rame erano stati effettivamente utilizzati per modellare e manipolare l’oro in forma liquida o metallica, un processo che avrebbe fatto affidamento sull’esperienza di orafi addestrati a lavorare con questa sostanza ambita e preziosa.

corredi funerari
I corredi funerari, tra cui un kit di attrezzi di 3.800 anni fa, sono stati scoperti oltre 200 anni fa presso la sepoltura di Upton Lovell e sono stati esposti al Wiltshire Museum di Devizes.

Se sembra oro, potrebbe essere oro

Gli strumenti analizzati in questo studio sono stati recuperati dal Wiltshire Museum di Devizes, dove erano stati esposti per decenni. L’archeologa dell’Università di Leicester, la dottoressa Christina Tsoraki, è stata reclutata per eseguire l’analisi dell’usura dei corredi funerari, sotto gli auspici del progetto “Beyond the Three Age System” finanziato dal Leverhulme Trust che è stato istituito per studiare l’evoluzione della cultura materiale nella Gran Bretagna del Neolitico, dell’Età del Bronzo e dell’Età del Ferro.

Durante il processo del suo esame, Tsoraki ha notato residui sulle superfici di alcuni strumenti all’interno del toolkit “kei di strumenti” di 3.800 anni che sembravano avere una lucentezza dorata. Queste tracce sono state rinvenute sulle superfici di diversi tipi di utensili, tra cui incudini, martelli e oggetti usati come levigatrici.

In cerca di conferma della sua scoperta, Tsoraki e i suoi collaboratori hanno passato gli strumenti al dottor Chris Standish, un archeologo dell’Università di Southampton esperto nella lavorazione dell’oro della prima età del bronzo (2.000-1.500 a.C.).

Il team di ricerca in continua crescita ha esaminato il toolkit sotto un microscopio elettronico a scansione per verificare l’esistenza delle tracce d’oro e anche per vedere se fossero di origine antica o moderna.

Gli scienziati hanno infatti scoperto che i residui erano oro e hanno anche scoperto che l’oro aveva una firma elementale che lo collegava direttamente ad altri pezzi d’oro dell’età del bronzo rinvenuti in altri siti di scavo nel Regno Unito.

Questa è una scoperta davvero entusiasmante per il nostro progetto“, ha dichiarato l’archeologa dell’Università di Leicester e coautrice dello studio, la dott.ssa Rachel Crellin. “Alla recente mostra ‘World of Stonehenge‘ al British Museum, sappiamo che il pubblico è rimasto sbalordito dalla straordinaria opera d’oro di 4000 anni in mostra“, ha spiegato. “Ciò che il nostro lavoro ha rivelato è l’umile kit di strumenti di pietra che è stato utilizzato per realizzare oggetti d’oro migliaia di anni fa.

Un toolkit per oro di 3.800
Un toolkit di 3.800 anni ha dimostrato che è stato utilizzato per la lavorazione dell’oro. L’immagine mostra tracce di microusura su una pietra lucidante. (C. Tsoraki/Antiquity Publications Ltd)

Nel profondo di Upton Lovell G2a e della prima cultura dell’età del bronzo

Il tumulo o sito di sepoltura Upton Lovell G2a fu scavato per la prima volta a cavallo del 19° secolo, nel 1801. Situata nella contea di Wiltshire, a pochi passi da Stonehenge, la sepoltura conteneva i resti scheletrici di soli due corpi. Uno è stato sepolto sdraiato sulla schiena, mentre il secondo è stato posto in posizione seduta.

In particolare, il primo corpo era stato apparentemente addobbato con una sorta di abito formale o cerimoniale quando fu sepolto per la prima volta. Gli archeologi lo sanno a causa di alcuni dei manufatti che sono stati trovati intorno al corpo.

Ciò includeva circa 40 punte ossee perforate e tre zanne di cinghiale perforate, che apparentemente non erano strumenti ma decorazioni che sarebbero state attaccate ai vestiti. Collocati dov’erano, sembra che queste decorazioni sarebbero state una volta su una veste, ma sarebbero cadute quando la veste si è deteriorata.

Oltre ai resti della veste, accanto al corpo del primo uomo erano sepolti diversi utensili. L’inventario comprendeva asce di pietra, un punteruolo in lega di rame e diversi strumenti di pietra che sarebbero stati usati per strofinare o modellare qualche altro materiale più morbido.

Nel complesso il tumulo conteneva un vasto e imponente insieme di corredi funerari, la maggior parte dei quali erano strumenti o oggetti decorativi. Molti furono sepolti in posizioni che rendevano impossibile stabilire se fossero sepolti insieme al primo o al secondo scheletro.

Si è generalmente ipotizzato che i due corpi nel tumulo non vi siano stati messi contemporaneamente. Gli archeologi hanno creduto a lungo che il primo corpo fosse una persona di alto rango, forse uno sciamano o un metalmeccanico.

Meno si è ipotizzato sull’identità del secondo corpo, poiché ci sono meno artefatti che possono essere collegati direttamente a lui.

Il tumulo di Upton Lovell G2a era largo circa 33 piedi (10 m) e alto circa un piede (0,3 m). I corpi furono sepolti a una profondità di circa tre piedi, o un metro. Il tumulo è stato datato alla prima età del bronzo in Gran Bretagna, in particolare al periodo compreso tra il 1850 e il 1700 a.C.

Ciò collega la sepoltura alla prima fase della cultura Wessex, che era la cultura sociale, politica e materiale dominante nella Gran Bretagna centrale e meridionale durante questo periodo di tempo.

Questa versione della cultura, soprannominata Wessex I, fu responsabile della costruzione finale che ebbe luogo a Stonehenge, che fu costruita in più fasi nel corso di 1.500 anni.

Questa magnifica collezione di monumenti preistorici in pietra porta ogni anno folle di turisti e studenti di materie esoteriche nella pianura di Salisbury nella contea di Wiltshire, proprio nelle vicinanze del villaggio di Upton Lovell, dove sono state trovate molte sepolture della cultura Wessex.

Sulla base di vari scavi, è noto che il popolo Wessex I ha spesso lasciato collezioni impressionanti ed estese nei tumuli funerari di capi e altri personaggi importanti. Ciò includeva spesso oggetti realizzati in oro, che non erano presenti in questa particolare sepoltura.

Ma se il team di scienziati responsabili del nuovo studio ha ragione, l’oro era molto associato alle vite e ai mezzi di sussistenza dei due individui sepolti a Upton Lovel G2a.

a dott.ssa Christina Tsoraki e Sarah Morriss
La dott.ssa Christina Tsoraki e Sarah Morriss, dell’Università di Leicester, eseguono le analisi del microscopio elettronico a scansione presso l’Università di Leicester.

Maestri lavoratori d’oro sepolti con onore

Ricerche precedenti avevano effettivamente trovato possibili tracce d’oro su uno degli strumenti di pietra recuperati dal tumulo Upton Lovell G2a. Ma ci è voluta la recente analisi del toolkit di 3.800 anni per confermare la verità e l’importanza di questa scoperta iniziale.

Sulla base delle forme degli strumenti trovati nella tomba e delle caratteristiche delle tracce d’oro trovate su di essi, i ricercatori ritengono che gli strumenti siano stati utilizzati per completare la seconda fase di un processo di fabbricazione in due fasi.

Dopo che vari oggetti centrali erano stati realizzati con materiali come giaietto, scisto, legno o rame, questi oggetti sarebbero stati decorati con un sottile strato di lamina d’oro.

I ricercatori non sanno esattamente quali tipi di oggetti sarebbero stati realizzati utilizzando un tale processo, ma sarebbero stati molto preziosi e probabilmente utilizzati principalmente dai capi della cultura Wessex e da altre élite.

I risultati di questo nuovo progetto di ricerca suggeriscono fortemente che gli uomini sepolti a Upton Lovell G2a fossero orafi. Sarebbero stati molto rispettati per la qualità del loro lavoro, ed è per questo che hanno avuto l’onore di essere sepolti con una vasta collezione di corredi funerari, compresi gli strumenti del loro mestiere.

Il pubblico può vedere di persona questi strumenti antichi unici visitando il Wiltshire Museum di Devizes. I manufatti di Upton Lovell G2a sono stati ora rimessi in mostra dopo essere stati restituiti dal British Museum di Londra, che li aveva inclusi come parte della loro storica mostra del 2022 “Il mondo di Stonehenge”.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Kit di 3.800 anni per lavorare l’oro trovato presso Stonehenge!”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina