La missione dei re millenari discesi dal cielo a Sumer | Ufo e Alieni
Dom. Apr 21st, 2024

Al centro della teoria degli antichi astronauti e della narrativa dell’autore Zecharia Sitchin c’è un gruppo di esseri mitici noti come Anunnaki, che secondo Sitchin hanno incrociato il proprio DNA con quello dell’Homo erectus per creare l’umanità, con l’intenzione di usare gli umani come schiavi per estrarre l’oro e altri minerali dalle miniere. Oggi questi Anunnaki sono spesso considerati l’equivalente del Dio creatore dell’Antico Testamento.

Re millenari discesi dal cielo

 re discesi dal cielo Anunnaki

Ma cosa dicono veramente i testi cuneiformi sugli Anunnaki e altri esseri mitici? In che modo la versione di questi esseri e delle loro attività presentata nei media “Teoria degli antichi astronauti” si adatta alla loro attuale rappresentazione nel mondo antico?

Il monte Hermon si trova all’estremità meridionale della catena montuosa dell’Anti-Libano, a cavallo del confine siriano-libano. La vetta più alta dell’Hermon raggiunge i 2.814 metri. Gilgamesh era famoso nel mondo antico per aver ottenuto la sua conoscenza dal mondo antidiluviano, secondo l’Epopea di Gilgamesh di Ugarit (linee 5-9):

“Ovunque esplorasse i centri di potere, conosceva la totalità della saggezza su ogni cosa. Colui che percorse la strada lontana verso Ut-napisti, che attraversò l’oceano, il vasto mare, fino a giungere all’alba: riacquistò la conoscenza dell’età antidiluviana.

Questi passaggi chiudono il cerchio con l’interpretazione di Pipinski della versione antico babilonese dell’Epopea di Gilgamesh, dove l’antico re si recò sul Monte Hermon, la casa degli Anunnaki.

Gilgamesh il gigante

Il concetto di antica conoscenza del mondo antidiluviano è infatti insito in molte tradizioni orientali. Ad esempio, c’è un resoconto simile nell’apocrifo Libro dei Giubilei su Kainam, figlio del biblico Arfaxad:

“Il ragazzo è cresciuto, suo padre gli ha insegnato a scrivere ed è andato a cercare un posto dove costruire una città. Trovò antiche scritture incise sulla roccia, di cui lesse e tradusse il contenuto, e con esse si perse, perché c’erano gli insegnamenti dei Vigilanti, in cui si spiegava la divinazione mediante il sole, la luna e le stelle di tutte le costellazioni del cielo. E lo scrisse, ma non ne parlò, perché aveva paura di dirlo a Noè, per non essere arrabbiato con lui per questo motivo. (Giubilei 8,2-4)”

È interessante notare che ci sono diverse fonti antiche che suggeriscono che lo stesso Gilgamesh fosse un semidio, un essere semi-divino di statura gigantesca. Secondo la lista dei re sumeri, Gilgamesh era il quinto re di Uruk, che regnò tra il 2800 a.C. e 2600 a.C.

Sebbene ci siano tradizioni che ritengono che il padre di Gilgamesh fosse il re Lugalbanda, la lista dei re sumeri afferma che il suo vero padre era uno “spirito lillu, un sommo sacerdote di Kulaba”, e l’eroe è descritto nella saga come “due terzi divino”.

Si ritiene che Gilgamesh avrebbe ottenuto la vittoria sui re di Kish, centralizzando il potere di Uruk, e la tradizione racconta che abbia ampliato la città di Uruk, compreso il recinto e le mura del suo tempio. In vari frammenti di una copia del XX secolo a.C. dall’Epopea di Gilgamesh scoperta nell’antica Ugarit, Gilgamesh è descritto come segue:

“Superiore a tutti (gli altri) re (!), famoso per la sua statura corporea” (riga 16) e anche come “Gilgamesh, famoso per la sua statura fisica, eroe nato a Uruk, toro selvaggio infuriato” (linee 18-19). Le righe 34-36 del Gilgamesh di Ugarit forniscono dettagli specifici sulle dimensioni di Gilgamesh:

“undici cubiti era la sua altezza, quattro cubiti la larghezza del suo petto. I suoi piedi erano un triplo cubito e le sue gambe lunghe come una verga”. Secondo queste misure, Gilgamesh avrebbe raggiunto un’altezza compresa tra 16 e 18 piedi (da 4,8 a 5,4 metri). Per quanto riguarda il fatto che Gilgamesh fosse un gigante, il frammentario Libro dei Giganti dei Rotoli del Mar Morto menziona i nomi di diversi giganti Nefilim, tra cui Ohya, Mahway, Hahya e Gilgamesh.

Gilgamesh

I giganti regnano sul monte Hermon

Tornando al tema del Monte Hermon, Gilgamesh non è l’unico antico gigante direttamente associato a questo luogo sacro. Diversi libri dell’Antico Testamento (Numeri, Deuteronomio e Libro di Giosuè) testimoniano la battaglia di Mosè e degli Israeliti contro Og, re amorreo di Basan.

In Deuteronomio 3.11, Og è descritto come “l’ultimo sopravvissuto dei Rephaim (giganti)”, e il suo letto (o sarcofago) avrebbe misurato circa nove cubiti di lunghezza per quattro cubiti di larghezza, il che significa che Og avrebbe raggiunto i 12 o 13 cubiti/piedi (circa quattro metri) di altezza.

In Giosuè 12,5 viene rivelato che Og “dominava sulla montagna di Hermon e Salka, e su tutto Basan […]”, una regione che comprende le pendici del monte Hermon e le alture del Golan.

Entità degli inferi

Un altro fattore che collega gli Anunnaki alla storia degli Osservatori e della loro prole è il loro status di esseri degli inferi. Nei cicli mesopotamici, gli Anunnaki sono spesso descritti come “fate” o giudici dei morti, che abitano il regno sotterraneo e svolgono il loro ruolo di “spiriti della terra”.

Su tavolette scoperte a Nippur datate intorno al 2000 aC., gli Anunnaki sono “i sette giudici”, entità degli inferi che accompagnano Ereshkigal, dea del regno sotterraneo. Quando Ishtar scende e viene portata davanti all’assemblea, fissano i loro “occhi della morte” su di lei, facendola perire.

Gettato all’inferno

La dimora montana del dio cananeo El è anche spesso associata a sorgenti naturali e fiumi sotterranei segreti o nascosti. Pipinski associa queste connotazioni alle sorgenti del fiume Giordano, una delle quali è la sorgente di Banias, che sorge ai piedi del monte Hermon.

Spiega inoltre che in passato si credeva che la montagna coprisse “uno dei canali delle profondità o dell’oceano da cui provenivano le acque del Diluvio … un’eruzione dell’oceano sotterraneo su cui si credeva che la terra riposasse”.

Nel Libro di Enoch, Dio comanda all’arcangelo Michele: “vai e annuncia a Shemihaza e a tutti i suoi complici che si sono associati con donne e si sono contaminati con loro nella loro impurità, […] Incatenali per settanta generazioni nelle valli della terra […]” (Libro di Enoch, 10, 11-12), mentre comanda a Rafael: “Incatena mani e piedi ad ‘Asa’el, gettalo nelle tenebre, apri il deserto che è in Dudael e gettalo dentro. ” (Libro di Enoch 10.4)

Ci sono riferimenti alla sorte dei Vigilanti anche nei libri del Nuovo Testamento, tra cui la Seconda Lettera di Pietro, in cui si legge: “[…] Dio non risparmiò gli Angeli che peccarono, ma li precipitò negli abissi oscuri del Tartaro, li consegnò perché fossero custoditi fino al Giudizio;” (II Pietro, 2,4). La parola greca Tartarus, che compare in questo versetto, si riferisce all’inferno più profondo della mitologia greca: la prigione dei Titani.

Non solo i Titani erano giganteschi, ma come gli Anunnaki, erano i discendenti di una dea della Terra (Gaia) e di una divinità del cielo (Urano). Alcuni studiosi ritengono probabile che il mito greco fosse basato in gran parte su antiche mitologie orientali.

Lo stesso concetto è ripetuto ancora nella Lettera di Giuda, versetto 6, che cita: “[…] gli angeli, che non conservarono la loro dignità, ma abbandonarono la propria dimora, sono tenuti con legami eterni nelle tenebre […] .”

La vera identità degli Anunnaki

È noto che i cicli mitologici archetipici delle tradizioni mesopotamiche e del Vicino Oriente hanno un’origine comune, e che i temi di questi cicli compaiono anche in testi biblici, extrabiblici e persino coranici. Lo scopo di questo articolo è identificare lo specifico concetto mitico presente negli Anunnaki nel mondo antico.

Contrariamente a quanto si dice in gran parte della letteratura popolare odierna e di altri media, le prove trovate da ricerche accademiche esperte e uno studio comparativo di testi cuneiformi e altri testi antichi indicano che la vera identità degli Anunnaki si trova nella tradizione orientale di un gruppo di semidei, nati dall’incrocio tra esseri divini e donne mortali avvenuto sul monte Hermon, situato nella catena montuosa dell’Antilibano.

Questi esseri sono spesso associati alla conoscenza del mondo prima di un grande diluvio e successivamente vengono accreditate varie funzioni negli inferi. Questo fatto suggerisce che, invece di rendere gli Anunnaki l’equivalente degli “Elohim” che creano l’uomo nel libro della Genesi, dovrebbero piuttosto essere paragonati ai Nephilim e agli angeli caduti descritti in Genesi capitolo 6, nel Libro di Enoch e in altri testi extra-biblici.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina