Miniera di 12.000 anni scoperta al largo della costa messicana

Le grotte sottomarine, lungo la penisola dello Yucatan in Messico, contengono un vasto labirinto di reperti archeologici, forse diverso da qualsiasi altra parte della Terra.

Miniera al largo della costa messicana

Miniera messico

Conservati in una vasta rete di caverne allagate, questi cenotes allagati contengono un tesoro di segreti Maya.

Ma come mostra una nuova scoperta di miniere, puoi anche trovare antichi manufatti che risalgono a episodi molto più lontani nella preistoria.

In un nuovo studio, i ricercatori riportano la scoperta di quella che potrebbe essere la più antica miniera conosciuta nelle Americhe, scoprendo i resti di una miniera sotterranea color ocra che risale a 12.000 anni fa.

Le grotte sottomarine sono come una capsula del tempo” afferma un esperto sub e micropaleontologo Ed Reinhardt della McMaster University in Canada.

Esistono prove evidenti dell’estrazione dell’ocra che sarebbe avvenuta migliaia di anni fa.”

Nel 2017, durante le immersioni, Reinhardt e altri ricercatori hanno esplorato grotte lungo la costa orientale di Quintana Roo.

Le grotte in questa regione contengono i resti scheletrici di antiche popolazioni delle caverne di migliaia di anni fa, sono note da quando i bassi livelli del mare hanno reso accessibili le grotte.

Per quanto riguarda il motivo per cui gli individui antichi entrerebbero in questi passaggi labirintici profondi e pericolosi non è stato chiarito, ma ora sembra che abbiamo una spiegazione.

Loading...

Miniera messico 2

Il paesaggio delle caverne è stato notevolmente modificato, facendoci credere che gli umani preistorici estraessero tonnellate di ocra, forse dovendo accendere falò per illuminare lo spazio.

All’interno delle grotte, il team ha trovato una serie di prove di attività minerarie preistoriche, tra cui strumenti di scavo, indicatori di navigazione e antichi camini.

I ricercatori suggeriscono che le prove minerarie in tre sistemi di caverne sommerse si estendono per circa 2000 anni di attività, da 12.000 a 10.000 anni fa.

I siti, chiamati La Mina, Camilo Mina e Monkey Dust, potrebbero essere i primi esempi noti di estrazione di ocra nelle Americhe.

Ma il team ritiene che l’esplorazione delle caverne e l’estrazione di ocra nella regione possano risalire ulteriormente, secondo altre prove scheletriche, a 12.800 anni fa.

Per qualche motivo, i minatori in questo sito hanno interrotto la loro estrazione di ocra circa 10.000 anni fa. Per quanto riguarda il motivo, i ricercatori non hanno idea.

È possibile, dicono, che i minatori si siano trasferiti in altri depositi, in altre grotte e con 2.000 chilometri di sistemi di grotte da esplorare nella regione, potremmo trovare ulteriori prove di questa antica miniera in futuro.

Quel che è certo è che dovettero aver avuto un coraggio inimmaginabile per scavare centinaia di metri in queste caverne frastagliate, con una sola torcia accesa per illuminare un sentiero nell’oscurità sepolta.

Il fatto che si siano avventurati nell’oscurità in questo modo, in tali condizioni, ci dice qualcosa sull’importanza che il pigmento ocra deve essere stato nei rituali e negli antichi costumi.


A cura di Ufoalieni.it

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!