Nuove immagini della NASA offrono una visione più nitida dei siti di atterraggio Apollo

Il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA ha catturato le immagini più nitide mai scattate dallo spazio dei siti di atterraggio dell’Apollo 12, 14 e 17. Le immagini mostrano i colpi di scena dei percorsi fatti quando gli astronauti hanno esplorato la superficie lunare.

immagine nasa

immagine nasa 2

Queste due immagini mostrano due l’ LRO del sito di atterraggio dell’Apollo 17. Fare clic e trascinare sulla barra di scorrimento bianca per passare dall’una all’altra. L’immagine a sinistra è stata rilasciata oggi; l’immagine a destra è uno zoom avanti su un’immagine LRO rilasciata nel 2009.

LRO è stato spostato in un’orbita più bassa per acquisire la nuova immagine. Le immagini non si allineano perfettamente a causa delle differenze nelle condizioni di illuminazione, dell’angolazione della fotocamera LRO e di altre variabili. La luminosità e il contrasto dell’immagine sono stati modificati per evidenziare i dettagli della superficie. (Credit: Goddard Space Flight Center/ASU della NASA)
Immagine a sinistra | versione più grande | versione più grande (senza etichetta)
Immagine a destra

Nel sito dell’Apollo 17 sono chiaramente visibili le tracce tracciate dal rover lunare, insieme alle ultime tracce lasciate sulla luna. Le immagini mostrano anche dove gli astronauti hanno posizionato alcuni degli strumenti scientifici che hanno fornito la prima visione dell’ambiente e dell’interno della luna.

Possiamo ripercorrere i passi degli astronauti con maggiore chiarezza per vedere dove hanno prelevato campioni lunari“, ha affermato Noah Petro, geologo lunare presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, Maryland, che è un membro del team scientifico del progetto LRO.

Tutte e tre le immagini mostrano tracce distinte lasciate nel suolo sottile della luna quando gli astronauti sono usciti dai moduli lunari ed esplorati a piedi.

Nell’immagine dell’Apollo 17, i percorsi pedonali, compreso l’ultimo percorso fatto sulla luna dall’uomo, sono facilmente distinguibili dalle doppie tracce lasciate dal rover lunare, che rimane parcheggiato a est del lander.

Le nuove immagini della Narrow Angle Camera a bassa quota migliorano la nostra visione della superficie lunare“, ha affermato il ricercatore dell’Arizona State University Mark Robinson, ricercatore principale della Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC).

Un ottimo esempio è la nitidezza delle tracce del rover nel sito dell’Apollo 17. Nelle immagini precedenti le tracce del rover erano visibili, ma ora sono nitide linee parallele sulla superficie“.

immagine siti allunaggio

immagine siti allunaggio 2

Questo interattivo mostra due immagini LRO del sito di atterraggio dell’Apollo 12. Fare clic e trascinare sulla barra di scorrimento bianca per passare dall’una all’altra. L’immagine a sinistra è stata rilasciata oggi; l’immagine a destra è uno zoom avanti su un’immagine LRO rilasciata nel 2009.

LRO è stato spostato in un’orbita più bassa per acquisire la nuova immagine. Le immagini non si allineano perfettamente a causa delle differenze nelle condizioni di illuminazione, dell’angolazione della fotocamera LRO e di altre variabili. La luminosità e il contrasto dell’immagine sono stati modificati per evidenziare i dettagli della superficie. (Credit: Goddard Space Flight Center/ASU della NASA)
Immagine a sinistra versione più grande versione più grande (senza etichetta)
Immagine a destra

In ogni sito, i sentieri corrono anche a ovest dei lander, dove gli astronauti hanno posizionato l’Apollo Lunar Surface Experiments Package (ALSEP) per monitorare l’ambiente e l’interno della luna.

Questa attrezzatura era una parte fondamentale di ogni missione Apollo. Ha fornito le prime informazioni sulla struttura interna della luna, le misurazioni della pressione sulla superficie lunare e la composizione della sua atmosfera. L’Apollo 11 trasportava una versione più semplice del pacchetto scientifico.

Uno dei dettagli che emerge è una luminosa forma a L nell’immagine dell’Apollo 12. Segna le posizioni dei cavi che vanno dalla stazione centrale di ALSEP a due dei suoi strumenti. Sebbene i cavi siano troppo piccoli per la visualizzazione diretta, si vedono perché riflettono molto bene la luce.

La risoluzione maggiore di queste immagini è possibile grazie alle regolazioni apportate all’orbita dell’LRO, che è leggermente ovale o ellittica.

Senza modificare l’altitudine media, abbiamo reso l’orbita più ellittica, quindi la parte più bassa dell’orbita si trova sul lato illuminato dal sole della luna“, ha affermato John Keller di Goddard, vice scienziato del progetto LRO.” Questo ha messo LRO in una posizione perfetta per scattare queste nuove foto della superficie“.

La manovra ha abbassato LRO dalla sua solita altitudine di circa 31 miglia (50 chilometri) a un’altitudine che è scesa fino a quasi 13 miglia (21 chilometri) mentre passava sulla superficie della luna.

Il veicolo spaziale è rimasto in questa orbita per 28 giorni, abbastanza a lungo da consentire alla luna di ruotare completamente. Ciò consente la copertura completa della superficie dalla telecamera grandangolare di LROC. Il ciclo termina oggi quando il veicolo spaziale tornerà alla sua orbita di 31 miglia.

immagine percorso rover

In questa immagine sono visibili i percorsi lasciati dagli astronauti Alan Shepard ed Edgar Mitchell su entrambe le passeggiate lunari dell’Apollo 14. (Alla fine della seconda passeggiata lunare, Shepard ha colpito due palline da golf.) È anche visibile la fase di discesa del modulo lunare Antares. (Credito: Goddard Space Flight Center/ASU della NASA)
Immagine ingrandita | versione senza etichetta

Queste immagini ci ricordano la nostra fantastica storia dell’Apollo e ci invitano a continuare ad andare avanti nell’esplorazione del nostro sistema solare“, ha affermato Jim Green, direttore della Planetary Science Division presso la sede della NASA a Washington.

LRO è stato costruito e gestito da Goddard. La ricerca iniziale è stata finanziata dalla direzione della missione dei sistemi di esplorazione presso la sede della NASA.

Nel settembre 2010, dopo una missione esplorativa di successo di un anno, la missione ha spostato la sua attenzione dagli obiettivi di esplorazione alla ricerca scientifica nella direzione della missione scientifica della NASA.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Fonte: Nasa.gov

714Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Nuove immagini della NASA offrono una visione più nitida dei siti di atterraggio Apollo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina