Fori “perfettamente allineati” trovati a quasi 3 chilometri sotto l’oceano

“È altamente improbabile che gli esseri umani siano stati coinvolti a causa della profondità – 1,6 miglia o circa 3 chilometri sotto la superficie – alla quale sono stati tracciati i segni…”

Serie di buchi nell’oceano

Una serie di buchi “perfettamente allineati” sono stati trovati sul fondo dell’oceano medio atlantico, come si vede nel filmato ripreso da un sottomarino telecomandato della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA).

Secondo la NOAA Ocean Exploration, l’agenzia federale responsabile dello studio degli oceani, il pubblico ha proposto diverse teorie su come si sono formati questi buchi.

Mancano molte informazioni su ciò che potrebbe aver causato i buchi. Tuttavia, un fondale oceanico relativamente liscio circondava l’area in cui sono stati trovati i misteriosi buchi.

Inoltre, è altamente improbabile che gli esseri umani siano stati coinvolti a causa della profondità – 1,7 miglia o circa 3 chilometri sotto la superficie – alla quale sono stati tracciati i segni.

Una serie organizzata di buchi è stata scoperta sul fondo dell’Oceano Atlantico, che sembra essere stata creata dall’uomo, tranne per il fatto molto probabile che non lo fossero, data la profondità del fondo oceanico nella regione.

I ricercatori della NOAA che studiavano i fondali oceanici a bordo dell’Okeanos Explorer hanno scoperto i buchi “perfettamente allineati” il 23 luglio, ma in precedenza erano stati segnalati nell’area.

Nel tentativo di determinare come si sono formati questi buchi, la NOAA Ocean Exploration ha invitato il pubblico a condividere le proprie teorie.

Durante l’immersione di Okeanos, abbiamo osservato diversi insiemi sublineari di buchi nel sedimento. Questi buchi sono stati precedentemente segnalati nella regione. Tuttavia, la loro origine rimane un mistero“, ha scritto la NOAA in un post su Facebook.

Anche se sembrano quasi fatti dall’uomo, i piccoli mucchi di sedimenti attorno ai buchi li fanno sembrare come se fossero stati scavati da… qualcosa“, ha rivelato l’organizzazione federale.

Gli scienziati hanno visitato la cima di un vulcano sotto le Azzorre, una regione autonoma del Portogallo nel mezzo dell’Oceano Atlantico, a una profondità di circa 3 km.

I misteriosi buchi sono stati registrati utilizzando una telecamera telecomandata. Durante la spedizione Voyage to the Ridge 2022 della nave Okeanos, gli scienziati hanno esplorato e mappato aree a bassa profondità della zona di frattura di Charlie-Gibbs, della dorsale medio-atlantica e dell’altopiano delle Azzorre che sono poco conosciute.

 

Durante l’immersione 04 della seconda spedizione Voyage to the Ridge 2022, abbiamo osservato molti di questi insiemi sublineari di buchi nel sedimento“, ha affermato la NOAA Ocean Exploration.

L’organizzazione federale ha condiviso le immagini della scoperta e ha invitato il pubblico a condividere le proprie teorie in un post su Facebook. “Qual è la tua ipotesi?” ha chiesto.

Durante la spedizione, la dorsale medio-atlantica, luogo di frequenti terremoti, sarà studiata per oltre 16.000 chilometri.

fori oceano
Gli enigmatici buchi sono stati scoperti a una profondità di quasi tre chilometri. NOAA.

È considerata una delle catene montuose più lunghe del mondo e un importante geologico come rivelato dal NOAA.

Secondo gli scienziati, la maggior parte della cresta si trova sott’acqua ed è rimasta in gran parte inesplorata.

In questa missione di esplorazione, gli scienziati utilizzeranno veicoli telecomandati per mappare e immergersi lungo la dorsale medio-atlantica (a nord delle Azzorre) e l’altopiano delle Azzorre.

Questa missione fornirà dati sulle comunità di coralli, comunità di spugne e comunità della zona di frattura di Charlie-Gibbs in ambienti di acque profonde lungo la dorsale medio-atlantica, l’altopiano delle Azzorre e la zona di frattura di Charlie-Gibbs.

Una dichiarazione del NOAA ha osservato che, nonostante le recenti ricerche abbiano compiuto progressi significativi nella nostra comprensione e apprezzamento dei coralli e delle spugne, è necessario fare più lavoro. Ciò è particolarmente vero nelle aree di acque profonde inesplorate e poco conosciute che intendiamo esplorare.

Il mese prossimo concentreranno i loro sforzi di mappatura sull’altopiano delle Azzorre e sulla dorsale medio-atlantica, a sud delle Azzorre. Il NOAA ha affermato che durante le immersioni, il team esplorerà habitat di coralli e spugne di acque profonde, potenziali prese d’aria idrotermali e sistemi di solfuro polimetallico estinti, zone di frattura e rift e la colonna d’acqua.

Non sorprende fare scoperte così inaspettate sul fondo dell’oceano. La maggior parte del fondale marino rimane inesplorata. In precedenza, abbiamo segnalato una strana scoperta fatta sul fondo del fondo dell’oceano da un’altra spedizione che ha scoperto una misteriosa “strada di mattoni gialli“.

A differenza degli enigmatici buchi scoperti vicino alle Azzorre, la “strada di mattoni gialli” è stata probabilmente formata da un processo geologico.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

1.5K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Fori “perfettamente allineati” trovati a quasi 3 chilometri sotto l’oceano

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina