Progetto Silver Bug: tecnologia aliena utilizzata per creare un disco volante

Negli anni ’90, la divisione aeronautica dell’aeronautica degli Stati Uniti ha reso noti al pubblico alcuni rapporti declassificati. Tra questi il ​​Silver Bug Project “Progetto Silver Bug”, incentrato sulla creazione di un “disco volante” militare.

Progetto Silver Bug
Foto scattata a uno dei presunti piattini del progetto Silver Bug.

Conosciuto anche come Progetto USAF 1794 , il Progetto Silver Bug è stato creato dall’Air Force per uno scopo: creare un disco volante.

Per fare questo assunse una società canadese con sede in Ontario, chiamata Aircraft Limited. Così, hanno iniziato la creazione di un mezzo di decollo e atterraggio verticale e di raggiungere velocità massime di Match a più di 30,00 metri di altezza.

Progetto Silver Bug e una nave avanzata

Il rapporto ufficiale ha mostrato che il progetto è stato annullato nel 1960, principalmente a causa di problemi durante il volo ad alta quota. Tuttavia, dal 55, si sospettava che fosse stata utilizzata la tecnologia extraterrestre. La sua declassificazione non è stata altro che una conferma.

Molti ricercatori hanno espresso dubbi sul rapporto di declassificazione degli Archivi Nazionali, poiché, prima di questo, il governo non aveva dato alcuna risposta sul progetto. Ciò ha aumentato l’incertezza sulla sua creazione.

Qual era il tuo obiettivo? Perché è stato cancellato?

Ci sono molte versioni di questo, alcuni credono che ci siano stati una serie di incidenti mortali durante le indagini.

Ciò suggerisce che il prototipo della nave era così pericoloso che il personale è stato preso dal panico. Altre teorie suggeriscono che sia stata utilizzata la tecnologia extraterrestre o che sia stata utilizzata anche l’ energia Vril.

Nel 1922, il dottor Winfried Otto Schumann, professore all’Università di Tecnologia di Monaco, che scoprì l’effetto di risonanza del sistema terra-aria-ionosfera, noto come Onde di Schumann, sviluppò un prototipo di un veicolo spaziale circolare con energia Vril.

Progetto Silver Bug 2
Uno dei piani trapelati.

Secondo alcuni esperti si tratta di un’energia vitale concentrata all’interno di ogni pianeta, con facoltà illimitate e che può essere disciplinata e utilizzata come combustibile per tutti i tipi di macchine.

Dischi volanti terrestri

Sebbene il disco con equipaggio si sia schiantato durante il suo volo inaugurale, un’altra versione più avanzata di cinque metri chiamata “RFZ-2” ha volato con successo. Questa nave fu acquistata nel 1944 dalla Divisione SS E-IV del Terzo Reich di Hitler.

Queste navi combinavano sistemi turbogetto antigravitazionali e propulsione convenzionale.

Pertanto, potrebbero essere sollevati verticalmente. Sebbene questo e altri progetti più avanzati siano stati sviluppati con successo, si sono guadagnati una cattiva reputazione per aver dedicato più tempo alla manutenzione che al funzionamento.

Ma i progetti Vril antigravità hanno mostrato molta più efficacia. Questi erano enormi giroscopi che avevano la particolarità di levitare attraverso la generazione dei propri campi gravitazionali.

Le sue caratteristiche principali erano che poteva compiere virate fino a 90 gradi, oltre a poter raggiungere velocità di 12.000 chilometri orari ad angolo retto senza alcuna sensazione di movimento o inerzia.

Per molto tempo il Progetto Silver Bug è stato considerato una «leggenda metropolitana», tuttavia stanno venendo alla luce sempre più file declassificati, che raccontano la verità sulla questione UFO e sulle costruzioni terrestri sviluppate con le loro tecnologie.

 

A cura di Ufoalieni.it


Fonte

1K+Shares

Un pensiero su “Progetto Silver Bug: tecnologia aliena utilizzata per creare un disco volante

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina