Rudolf Steiner e l’antroposofia: l’esistenza di un mondo spirituale oggettivo

La filosofia basata sull’empatia, l’intuizione e la creatività, rimane in pieno vigore come guida per l’evoluzione personale.

L’ antroposofia è una filosofia spirituale orientata all’essere umano riflettente e parla delle profonde e basilari questioni spirituali dell’umanità, dei nostri bisogni artistici fondamentali, della necessità di relazionarsi al mondo da un atteggiamento mentale scientifico e della necessità di sviluppare una relazione in completa libertà e basato su giudizi e decisioni completamente individuali.

L’antroposofia è stata sviluppata principalmente da Rudolf Steiner (1861-1925) tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Nasce da una filosofia della libertà, come percorso di conoscenza o ricerca spirituale, sviluppata sulla base della filosofia idealistica europea, radicata nelle filosofie di Aristotele, Platone e Tommaso d’Aquino.

È definito principalmente dal suo metodo di ricerca e, in secondo luogo, dalle possibili intuizioni o esperienze a cui conduce. Da questo punto di vista, l’antroposofia può anche essere chiamata scienza spirituale.

In quanto tale, è uno sforzo per sviluppare non solo la scienza naturale, ma anche l’indagine scientifica spirituale sulla base della tradizione idealistica, nello spirito degli sforzi storici, che hanno portato allo sviluppo della scienza moderna.

Su questa base, l’antroposofia si sforza di colmare le fessure che si sono sviluppate a partire dal Medioevo tra le scienze, le arti e le attività religiose dell’uomo come le tre aree principali della cultura umana, e di costruire le basi per una loro sintesi per il futuro.

L’antroposofia è anche un impulso a coltivare la vita dell’anima nell’individuo e nella società umana, cioè, tra l’altro, a coltivare il rispetto e la sollecitudine per gli altri su basi puramente umane, indipendentemente dalla loro origine e punti di vista.

Sebbene sia radicato in una filosofia della libertà, sviluppata come metodo di indagine spirituale e impulso a coltivare un interesse puramente umano per le altre persone, ha anche possibili implicazioni pratiche in vari “movimenti filiali” dell’antroposofia.

I più sviluppati di questi movimenti secondari in antroposofia sono l’agricoltura biodinamica, l’educazione curativa antroposofica e la medicina antroposofica.

L’organizzazione principale originariamente creata per la cooperazione tra organizzazioni, istituzioni e imprese antroposofiche è l’associazione civile Società Antroposofica Generale , che ha un centro a Dornach, in Svizzera. L’organizzazione corrispondente negli Stati Uniti è il Consiglio delle organizzazioni antroposofiche.

Chi era Rudolf Steiner?

Rudolf Steiner
Rudolf Steiner. (Wikimedia Commons)

Rudolf Steiner nacque a Kraljevec (allora in Austria, ora parte dell’ex Jugoslavia) nel 1861, e morì a Dornach, in Svizzera nel 1925. La superficie esterna della fine del XIX secolo ha fornito pochi indizi sugli eventi straordinari che il XX secolo avrebbe portato, e una biografia sommaria della prima parte della vita di Steiner potrebbe non facilmente prevedere le straordinarie attività dei suoi ultimi anni. Tuttavia, i semi di quest’ultimo si trovano nelle prime fasi.

Secondo lo stesso Rudolf Steiner, la sua vita fu divisa in due periodi. Il primo periodo da rispettato studioso, il secondo da pazzo occultista. Quando gli è stato chiesto perché non avesse mai toccato argomenti occulti prima dei quarant’anni. Steiner ha risposto: “Prima dovevo raggiungere una certa posizione nel mondo. La gente potrebbe dire dai miei attuali scritti occulti che sono “pazzo“. Poi, però, ci sono i miei lavori precedenti che non possono essere ignorati”.

Steiner sperava che la sua precedente reputazione di rispettato studioso avrebbe assicurato alla gente che il suo lavoro scoperto in seguito non erano le folli speculazioni di un pazzo. Nel primo periodo della sua vita, fino al 1900, il dottor Steiner si guadagnò una reputazione oltre la Germania come rispettato studioso di scienze e filosofia e come personalità culturale che scrisse articoli che esprimevano le sue opinioni sociali e politiche.

Nel secondo periodo della vita di Steiner, dopo il 1900, le sue opere si basano sulla conoscenza acquisita dei poteri speciali della chiaroveggenza. La sua ricerca occulta costituisce la base dell’attuale antroposofia.

Fu allora che iniziò a tenere conferenze su argomenti occulti come lo spiritismo orientale, i misteriocculto, formazione esoterica, esseri spirituali, cristologia, Atlantide perduta, reincarnazione, karma e astrologia.

I primi anni

Esteriormente, era il figlio di talento di un funzionario ferroviario minore che è cresciuto nei piccoli villaggi contadini della Bassa Austria. Frequentò le scuole del villaggio e successivamente la scuola moderna a Wiener Neustadt.

Suo padre era un libero pensatore e considerava suo figlio un ingegnere ferroviario piuttosto che un prete (la destinazione più comune per i brillanti ragazzi del villaggio all’epoca). Steiner si laureò in matematica, fisica e chimica e in seguito scrisse una tesi filosofica per un dottorato.

Ha sostenuto se stesso attraverso il college e poi attraverso tutoraggio. Era attratto dal lavoro letterario e accademico. Il celebre studioso di Goethe, il professor Karl Julius Schroer, che fece amicizia con il giovane, fece in modo che modificasse le opere scientifiche di Goethe per una nuova edizione completa.

Ha partecipato attivamente alla ricca vita culturale di Vienna. Fu quindi invitato a Weimar, nel famoso archivio di Goethe, dove rimase per sette anni, lavorando maggiormente su scritti scientifici, oltre a collaborare a un’edizione completa di Schopenhauer.

Il luogo era un famoso centro, frequentato dai protagonisti della cultura mitteleuropea, e Steiner conobbe molti dei protagonisti della vita artistica e culturale del suo tempo.

Primo Goetheanum modello in scala
Rudolf Steiner con modello in scala del Primo Goetheanum

Una salita vertiginosa

Nel 1894 pubblicò La filosofia dell’attività spirituale, ma rimase deluso dall’accoglienza che ebbe l’opera. Poi, con l’avvicinarsi della fine del secolo, iniziò a pubblicare una rivista letteraria d’avanguardia a Berlino.

Lì conobbe drammaturghi e poeti che cercavano, spesso disperatamente, alternative di vario genere. La città era al centro di molti gruppi e movimenti radicali. Steiner è stato invitato a tenere una conferenza alla Scuola di formazione dei lavoratori di Berlino, sponsorizzata dai sindacati e dai socialdemocratici.

La maggior parte dell’insegnamento era marxista, ma insisteva per avere le mani libere. Ha tenuto corsi di storia e scienze naturali ed esercitazioni pratiche di conversazione. Il suo appello è stato tale che è stato invitato a tenere un discorso allo stadio di Berlino in occasione del giubileo di Gutenberg.

Presentazione di un’operetta al Collegio Rudolf Steiner di Zurigo, 1949. Credit: swissinfo.ch

Nel 1899, la vita di Steiner iniziò a cambiare abbastanza rapidamente. Solo più tardi diede una visione più personale della sua lotta interna, che maturò in una decisione di vasta portata durante il 1890. Il 28 agosto 1899 pubblicò un articolo sorprendente nella sua rivista sulla misteriosa “Fiaba” di Goethe, Il serpente verde e il bel giglio.

Il saggio era intitolato “La rivelazione segreta di Goethe” e definitivamente, anche se discretamente, indicava il significato “nascosto” di questa storia. L’articolo attirò l’attenzione di un conte e contessa Brockdorff, che invitò Steiner a parlare a uno dei loro incontri settimanali.

I Brockdorff erano teosofi. Hanno dato a Steiner la prima opportunità di realizzare la decisione che ha preso durante gli ultimi anni del secolo.

Più seguaci e nuovi avversari

Abbastanza presto, Steiner parlò regolarmente a gruppi di teosofi, il che sconvolse e sconcertò molti dei suoi ex amici. Ci fu un putiferio alla conferenza sulla scolastica medievale che tenne alla Società Giordano Bruno.

Il rispettabile, sebbene spesso radicale, accademico, storico, scienziato, scrittore e filosofo stava emergendo come un “occultista”. È stato davvero scioccante per molti di quelli intorno a lui. Steiner sapeva che stava correndo il rischio di isolarsi.

Solo nella cultura marginale i teosofi all’inizio udirono ciò che intendeva ora. Tuttavia, vedeva intorno a sé una cultura in declino e profonde crisi in arrivo. Molto più tardi, scrisse nella sua autobiografia, Il corso della mia vita:

Nel dominio spirituale, una nuova luce sull’evoluzione dell’umanità ha cercato di sfondare la conoscenza acquisita durante l’ultimo terzo del XIX secolo. Ma il sonno spirituale provocato dall’interpretazione materialistica di queste acquisizioni di conoscenza ne ha impedito ogni accenno, tanto meno la consapevolezza.

Venne così il momento stesso che avrebbe dovuto svilupparsi in una direzione spirituale della sua stessa natura, ma che smentiva la sua natura, il tempo che iniziò davvero a produrre l’impossibilità della vita“.

La decisione di Steiner di parlare direttamente della propria ricerca spirituale non era motivata dal desiderio di affermarsi come maestro spirituale, di alimentare la curiosità o di far rivivere una qualche forma di “antica saggezza“.

Nasce da una percezione delle esigenze del tempo. Gli ci sono voluti quasi due decenni per creare una base per gli impulsi di rinnovamento nella vita quotidiana che ha cercato di avviare. All’inizio lavorò principalmente attraverso conferenze per teosofi e altri, e attraverso articoli e libri.

Queste opere restano una risorsa straordinariamente ricca e ancora troppo poco conosciuta nel mondo anglosassone.

In un periodo piuttosto breve, Steiner esaminò con chiarezza e intimità le realtà spirituali che operano nei regni della natura e nel cosmo, la natura interiore dell’anima e dello spirito umano e il loro potenziale per un ulteriore sviluppo, la natura e la pratica della meditazione, le esperienze dell’anima prima della nascita e dopo la morte, la storia spirituale e l’evoluzione dell’umanità e della terra, e studi dettagliati del funzionamento della reincarnazione e del karma.

Rudolf e sua moglie Marie
Rudolf e sua moglie Marie. Per gentile concessione: alchetron.com

Dopo sette o otto anni, Steiner iniziò ad aggiungere al suo lavoro nella “scienza spirituale” un’attività crescente nelle arti. È significativo e caratteristico che veda le arti come un ponte cruciale per tradurre la scienza spirituale in innovazione sociale e culturale. (Siamo ben consapevoli ora di cosa succede quando le scienze naturali scavalcano il cuore umano e si traducono in tecnologia senza grazia, bellezza o compassione.)

Tra il 1910 e il 1913 scrisse quattro Opere del Mistero, che seguono la vita di un gruppo di persone attraverso incarnazioni successive e includono scene nel mondo dell’anima e spirituale, così come sulla terra. Con sua moglie, Marie von Siever, un’attrice, furono avviati nuovi approcci alla parola e al teatro.

Attacco al Goetheanum
Primo Goetheanum
Primo Goetheanum. (Credit Wikipedia)

Nel 1913 a Dornach in Svizzera fu posata la prima pietra del primo Goetheanum. Questo straordinario edificio in legno, con le sue vaste cupole ad incastro, prese gradualmente forma durante gli anni della prima guerra mondiale, quando un gruppo internazionale di volontari collaborò con costruttori e artigiani locali per modellare le forme e le strutture intagliate uniche da lui progettate.

L’edificio ha stimolato molta innovazione nell’uso della forma e del colore ed è ora sempre più riconosciuto come un punto di riferimento nell’architettura del XX secolo. Tuttavia, Steiner non si preoccupò di costruire un monumento imponente.

Considerava l’architettura come serva della vita umana e progettò il Goetheanum per supportare il lavoro in via di sviluppo dell’antroposofia. Un piromane diede alle fiamme questo edificio la notte del 31 dicembre 1922. Sopravvisse solo la grande scultura “Il rappresentante dell’umanità” su cui Steiner aveva lavorato in un laboratorio di quartiere con lo scultore inglese Edith Maryon.

Steiner progettò presto un altro edificio che fu completato dopo la sua morte e ora funge da centro per la Società Antroposofica mondiale e la sua Scuola di Scienza dello Spirito. C’è un magnifico palcoscenico e un auditorium, dove vengono regolarmente eseguite le opere del mistero, così come Goethe nella sua interezza, altre rappresentazioni teatrali e concerti e frequenti spettacoli di euritmia.

Mentre la prima guerra mondiale volgeva al termine, Steiner iniziò a trovare modi per lavorare in modo più ampio e profondo per un rinnovamento della vita e della cultura in molte sfere. L’Europa era allo sbando e avrebbe potuto essere pronta per nuovi impulsi.

I tentativi di realizzare un “triplo ordine sociale” come alternativa politica e sociale a quel tempo non ebbero successo, ma la base concettuale sviluppata da Steiner esiste come un seme che è ancora più rilevante oggi.

L’opposizione al marxismo

Il pensiero sociale di Steiner può essere adeguatamente catturato solo nel contesto della sua visione della storia, che vedeva, in diretto contrasto con Marx, come plasmata principalmente da cambiamenti interni nella coscienza umana a cui partecipano attivamente esseri spirituali superiori.

Solo in questo secolo, nell’animo umano si stanno risvegliando esperienze del tutto nuove. (Dai tempi di Steiner, questo è molto più evidente di quanto non fosse allora). Ma non si può sperare di costruire un sano ordine sociale se non sulla base di una percezione vera e profonda, non solo della natura materiale, ma anche dell’anima e della natura spirituale. e bisogni degli esseri umani come sono oggi.

Questi bisogni sono caratterizzati da una forte tensione tra la ricerca della comunità e l’esperienza dell’individualità. La comunità, nel senso di interdipendenza materiale, è il fatto fondamentale della vita economica e dell’economia mondiale in cui è oggi immersa.

Tuttavia, l’individualità, nel senso di indipendenza mentale e libertà di espressione, è essenziale per tutti gli sforzi creativi, per ogni innovazione e per la realizzazione dello spirito umano nelle arti e nelle scienze. Senza la libertà spirituale, la nostra cultura appassirà e morirà.

Le Nuove Correnti Pratiche

Queste intuizioni sono state le fondamenta da cui Steiner ha iniziato a rispondere a un’ampia varietà di richieste di nuovi inizi e aiuto pratico in molti campi. Fu avvicinato da medici, terapisti, agricoltori, uomini d’affari, accademici e scienziati, teologi e pastori e insegnanti.

Da questi inizi sono cresciute e continuano a diffondersi in tutto il mondo le numerose attività sopravvissute a tutte le tensioni e convulsioni di questo secolo. Il più noto, ovviamente, è il lavoro nell’educazione e nell’educazione curativa.

Il primo è nato da una richiesta di Emil Molt, direttore della fabbrica di sigarette Waldorf-Astoria, di una scuola in cui i suoi dipendenti potessero mandare i propri figli. Ora ci sono scuole Waldorf in tutto il mondo. Fiorenti sono anche le case di villaggio, le scuole e le comunità per bambini e adulti disabili.

L’agricoltura biodinamica ha origine in un corso di lezioni nel 1924, tenuto su richiesta di un gruppo di agricoltori preoccupati per la tendenza distruttiva dell’agricoltura “scientifica”. Finora ha avuto il suo impatto principale nei paesi europei, ma ora sta attirando un interesse crescente in molte altre parti del mondo.

A cura di Ufoalieni.it

133Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Rudolf Steiner e l’antroposofia: l’esistenza di un mondo spirituale oggettivo

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina