Strumenti di mezzo milione di anni scoperti in Polonia | Ufo e Alieni
Ven. Apr 19th, 2024

La storia umana continua a essere riscritta di volta in volta. Questa non è una brutta cosa. È di fondamentale importanza conoscere meglio i nostri antenati e il loro modo di vivere. 

L’analisi degli strumenti di pietra preistorici trovati in una grotta in Polonia ha recentemente cambiato la storia. Gli scienziati hanno identificato i manufatti come alcuni dei più antichi mai scoperti nella regione. Gli scienziati hanno recentemente studiato oggetti che sono stati scavati mezzo secolo fa in Polonia.

Tra gli oggetti artificiali più antichi in Polonia ci sono gli strumenti di selce trovati nella grotta Tunel Wielki più di 50 anni fa. Analisi recenti suggeriscono che i manufatti risalgono a mezzo milione di anni fa.

Un professore della Facoltà di Archeologia dell’Università di Varsavia sta conducendo uno studio approfondito che esamina reperti e ossa trovati dagli archeologi diversi decenni fa durante gli scavi delle grotte dell’altopiano di Cracovia-Częstochowa.

C’è una grotta vicino a Ojców chiamata Tunel Wielki. Non appena gli scavi furono completati, la maggior parte dei reperti fu inscatolata e immagazzinata. I ricercatori hanno iniziato a condurre analisi approfondite negli ultimi anni. È stato a lungo creduto dagli scienziati che le tracce umane nella grotta Tunel Wielki risalgano a soli 40 mila anni. Come si è scoperto, questi risultati preliminari non erano corretti.

Analisi approfondita

I ricercatori dell’Università di Varsavia, dell’Accademia delle scienze polacca e dell’Università di Wroclaw hanno riesaminato manufatti e ossa da strati di terreno separati nella grotta. Lo hanno fatto con l’aiuto di archeologi, paleontologi, paleobotanici e geologi.

Come ha spiegato il dottor Kot al PAP: “Tutto è iniziato con un’osservazione del dottor Claudio Berto, che lavora sui resti di piccoli mammiferi. Secondo lui, le specie che ha studiato erano più vecchie di 40.000 anni e potrebbero risalire a mezzo milione di anni“.

Piccole ossa, principalmente denti di antenati roditori, sono state trovate anche con resti più grandi. I paleontologi dell’Istituto di Sistematica ed Evoluzione degli Animali di Cracovia e dell’Università di Wroclaw hanno esaminato i fossili.

Sono state trovate ossa che erano antenati del lupo Mosbach, dell’orso delle caverne, del leone delle caverne e del giaguaro. Si ritiene che tutti loro vissero in quella che oggi è la Polonia 450-550.000 anni fa. In questo stesso strato sono stati trovati diversi coltelli di selce, oltre a 40 manufatti di selce, principalmente scarti della produzione di strumenti.

Secondo il dottor Kot, gli oggetti provengono dallo stesso strato delle ossa, il che implica che sono molto simili per età. Gli scavi condotti nella grotta nel 2018 hanno confermato questa ipotesi. Secondo loro, gli strati sono disposti come descritto dai ricercatori mezzo secolo fa. Inoltre sono state trovate ossa di animali e scarti di produzione”.

Ossa non lavorate

Le ossa degli animali non vengono tagliate o lavorate in alcun modo. Di conseguenza, non derivano da animali da caccia. Secondo gli scienziati, cervi, rinoceronti e cavalli venivano cacciati durante quel periodo a causa della loro natura meno pericolosa.

Ci sono voluti migliaia di anni prima che gli strati di terreno si accumulassero. Tuttavia, è improbabile che pantere, orsi o licaoni avrebbero dovuto confrontarsi con persone che probabilmente si erano stabilite nella grotta solo temporaneamente per procurarsi il cibo. Solo a Trzebnica e Rusko, nella Bassa Slesia, sono stati scoperti fino ad ora oggetti di selce ugualmente antichi, ha detto il dottor Kot.

È anche molto raro trovare tali reperti in altre parti d’Europa. Gli strumenti sono stati realizzati da un antenato umano chiamato Homo heidelbergensis.

Non era il nostro antenato ma uno dei nostri altri parenti: il Neanderthal, apparso circa 250.000 anni fa. Gli strumenti realizzati da questo antenato umano sono stati trovati tra i sedimenti nella grotta di Małopolska. Ci sono diversi motivi per cui spicca una scoperta dalla Piccola Polonia. In primo luogo, i reperti sono stati scoperti in una grotta, secondo il ricercatore. Finora, in questa parte d’Europa, si conoscevano solo siti all’aperto.

L’Homo heidelbergensis era una specie che aveva un sopracciglio molto più grande, una scatola cranica più grande e una faccia più piatta rispetto alle prime specie umane più antiche. Furono le prime specie di esseri umani a vivere in climi freddi; i loro corpi corti e larghi erano probabilmente adattamenti per conservare il calore.

Durante la sua esistenza, fu la prima specie di umani primitivi a cacciare regolarmente animali di grandi dimensioni e ad utilizzare il fuoco controllato. Fu anche la prima specie a creare abitazioni in legno e roccia come mezzo di riparo.

Scoperta sorprendente

Siamo rimasti sorpresi dal fatto che le persone vivessero in grotte in questa zona mezzo milione di anni fa, poiché le grotte erano luoghi poveri in cui accamparsi“, ha detto il dottor Not.

L’umidità e le basse temperature lo scoraggerebbero. Le grotte, invece, sono rifugi naturali. Avere uno spazio chiuso fornisce un senso di sicurezza. Ci sono tracce che potrebbero indicare che le persone abbiano usato il fuoco durante la permanenza lì, il che probabilmente ha contribuito a domare questi luoghi bui e umidi”.

Afferma che le scoperte della Grotta Tunel Wielki rappresentano prove molto rare dell’esistenza delle prime persone che hanno camminato a nord dei Carpazi. Ha aggiunto: “È altamente improbabile che siano migrati più a nord“.

Le condizioni climatiche a quel tempo non erano molto diverse da quelle di oggi, ma rappresentavano una sfida per le persone. Il Dr. Not ha affermato che questo è un aspetto molto interessante della nostra analisi. “Esaminando le opportunità di sopravvivenza dell’Homo heidelbergensis, possiamo osservare come queste condizioni avverse abbiano influenzato il suo adattamento“.

Si spera che le ossa di Homo heidelbergensis possano essere scoperte nel Cave Tunel Wielki. Non c’è dubbio che questi saranno i resti umani più antichi da scoprire in Polonia. Attualmente, i resti più antichi conosciuti sono quelli di un Neanderthal e hanno più di 50.000 anni.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Strumenti di mezzo milione di anni scoperti in Polonia”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina