Studi suggeriscono che la terra sia attraversata da una vasta rete di tunnel segreti | Ufo e Alieni
Gio. Giu 20th, 2024

Esiste una rete completamente sconosciuta di tunnel sotterranei in tutto il pianeta. In effetti, molti hanno sentito parlare di un sistema sotterraneo di grotte o tunnel che esiste in tutto il mondo. Ma pochi sanno che queste connessioni che esistono sotto i nostri piedi sembrano andare molto più in là di quanto possiamo immaginare. 

Anche sotto l’oceano esistono tali reti, che attraversano e collegano grandi continenti. Qualche anno fa è stato scoperto un numero sorprendente di gallerie sotterranee situate tra la Turchia e la Scozia. È stata sollevata la possibilità che si potesse attraversarli, da est a ovest, e all’interno dell’Europa in generale, da un capo all’altro. Senza dover mettere piede fuori.

Si stima che questi tunnel siano stati costruiti 12.000 anni fa. È curioso, poiché questa data coincide esattamente con quella che alcuni studiosi attribuiscono alle città sotterranee. Come la Cappadocia e altre strane strutture che abbondano sul nostro pianeta.

Rivelazioni dello storico austriaco Heinrich Kusch sugli antichi tunnel segreti

Lo storico austriaco Heinrich Kusch, scrive nel suo libro Gates to the Underworld, il segreto dei passaggi sotterranei dell’antichità da quando ha scoperto prove di vasti passaggi sotterranei. A volte indicato come strade antiche, in molti insediamenti neolitici nel continente europeo.

Heinrich Kusch
Lo storico austriaco Heinrich Kusch.

Aggiunge che a questi tunnel sotterranei, che vanno dal nord attraverso la Scozia fino al Mediterraneo, sono state fornite più cavità. In alcuni punti sono più grandi che in altri. Alcuni sembrano essere serviti da alloggio, altri da deposito. E sebbene non tutte le gallerie siano collegate, insieme formano una vasta rete sotterranea.

Secondo lo storico Kusch, la Chiesa conosceva queste gallerie da secoli. Prova di ciò è che hanno costruito intenzionalmente delle cappelle agli ingressi di questi tunnel per tenerli segreti. Ma perché la chiesa voleva mantenere segreti quei tunnel o da dove veniva la paura che la gente potesse scoprirli? Forse perché in alcuni di questi tunnel sono state scoperte delle scritture, che vengono chiamate porte degli inferi.

Approfondimenti sul Vaticano e sulla rete di tunnel segreti

Inoltre, non si può negare che il Vaticano tenga nascosto un intero mondo sotterraneo che collega l’intera città. Si dice che vadano persino oltre le sue mura. Queste immense gallerie sotterranee europee pongono non solo grandi sfide logistiche, come la scelta dei materiali giusti per la loro costruzione. Ma anche tecnici, come confermano gli esperti, che sottolineano che i loro costruttori dovevano avere una grande conoscenza.

tunnel segreti terra
La terra è attraversata da una vasta rete di tunnel segreti.

I costruttori non hanno utilizzato travi per il rilievo delle gallerie. Per distribuire il peso sostenuto dalle pareti, hanno utilizzato una sorta di costruzione a zigzag. È interessante notare che alcuni di questi tunnel sono alti 70 cm, rendendo quasi impossibile per la persona media attraversarli.

Inoltre, in alcune aree non c’erano quasi pozzi di ventilazione, telecamere e spazi aperti. Vicino alle piramidi bosniache nella città di Visoko si trova l’enigmatico sistema di tunnel Rave, che si dice colleghi diverse piramidi. Con un’età di 30.000 anni.

È stato scoperto che i tunnel contengono scritte basate su caratteri runici sconosciuti e strani artefatti che indicano un’origine artificiale. Forse queste sono le opere dei primitivi uomini delle caverne, le civiltà che hanno costruito le piramidi in tutto il mondo, o forse altre forme di vita sconosciute che vivevano anche sottoterra.

L’uomo delle caverne o altre razze antiche

Tunnel e grotte rappresentano qualcosa di misterioso e persino spaventoso per le persone. Sono ambienti immersi nella completa oscurità e accompagnati da un’umidità talmente elevata da risultare scomoda per il nostro organismo. Molti di questi percorsi sotterranei sembrano essere l’habitat di altri esseri avanzati perfettamente adattati a queste stesse condizioni.

Prova di ciò sono gli incontri di esploratori, cercatori e altre persone a cui è capitato di incontrare esseri sconosciuti che sembrano vivere sotto la superficie della terra. È qui che nascono le leggende che tengono in vita gli indigeni e altre civiltà.

Ricordiamo la spedizione effettuata dal famoso antropologo e archeologo francese Marcel Homet. Nel 1940 entrò nelle profondità della giungla brasiliana. 30 anni dopo, ha pubblicato il suo libro. I figli del sole, in cui racconta le sue esperienze.

Le storie che compaiono in questo libro sono state narrate dalla tribù Macuxi. Chi ha raccontato loro del Mekonnen, un dio che credevano fosse re al tempo del Diluvio, che guidava i Macuxi attraverso i tunnel sottomarini. Secondo quanto hanno detto, hanno formato isole nell’Oceano Atlantico in vari punti del Sud America.

L’archeologo Nicholas Roerich menziona Shambhala nel suo lavoro. Menziona gli abitanti sotterranei di cui si parla nelle antiche tradizioni orali dell’Asia. E afferma che ci sono antichi tunnel che si estendono sotto gli oceani e i continenti: un intero mondo sotterraneo abitato da civiltà abitate da esseri altamente evoluti. Compreso il pacifico popolo dei Chud e il glorioso regno di Agartha. Chi ha lasciato la faccia della terra in un lontano passato.

Rete di tunnel collegati sotto l’Oceano Pacifico

I popoli mongoli condividevano rapporti molto simili. Harold T.Wilkins nei suoi Misteri dell’antico Sud America, pubblicato nel 1946, parlò di questi stessi tunnel. Come collegare diverse parti del mondo con l’Oceano Atlantico. Le leggende asiatiche raccontano di un mistico continente sommerso che aveva una rete di tunnel e corridoi labirintici che correvano in tutte le direzioni.

Questi tunnel erano usati per la locomozione e la protezione. Aggiunge che i tibetani gli hanno detto che i tunnel sono cittadelle che in passato hanno offerto rifugio ai sopravvissuti a devastanti catastrofi. Si dice anche che queste persone usassero una fonte di energia sotterranea che sostituiva quella del sole. Permettere alle piante di crescere e persino prolungare la vita umana.

Uno dei tunnel atlantici a cui si riferisce Wilkins sarebbe più un passaggio che collega la Spagna meridionale e il Marocco. E un altro tunnel sotterraneo che collega l’Africa e l’Europa. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che anche il mondo sotterraneo è collegato all’esercito. Dal momento che le grandi basi segrete sono state costruite anche sottoterra per nascondere ciò che accade lì. Secondo alcune teorie, molte di queste basi sono collegate.

Uno dei casi più interessanti è quello del geologo e ingegnere del governo statunitense Philip Schneider. Chi parla di un mondo sotterraneo creato con macchine laser tunneling. Queste macchine erano in grado di perforare ogni giorno fino a 10 km nella roccia solida, e questo risale agli anni 90. Questo ti dà un’idea di cosa potrebbero creare oggi.

Ci sono ancora civiltà che vivono sottoterra?

Philip Schneider racconta come in uno di questi tunnel abbia avuto un incontro estremamente pericoloso con esseri umani che vivevano nelle profondità della terra. Questi esseri lo hanno ferito al petto con un’arma sconosciuta. Per fortuna gli è stata salvata la vita grazie ad alcuni soldati americani che stavano a guardia del tunnel.

Questo ingegnere spiegò che non tutti i corridoi sotterranei usati dai militari erano artificiali. Disse infatti che altre razze o forme di vita avevano già lavorato alla costruzione di questi tunnel. Si parla addirittura di grandi tunnel che collegherebbero continenti diversi, attraverso i quali si sposterebbero mezzi e truppe senza mai essere rilevati in superficie.

Un articolo tratto dal numero del 1985 della rivista Search intitolato California Fleet over the Ocean; Descrive la testimonianza di un ufficiale della Marina degli Stati Uniti che riferisce della scoperta di una vasta rete di tunnel sotto la costa occidentale degli Stati Uniti.

Inoltre, afferma che i sottomarini nucleari hanno esplorato alcuni di questi tunnel accessibili dalla piattaforma continentale. Ci sono dentro da centinaia di miglia. Tuttavia, uno dei sottomarini destinati a esplorare i tunnel non è mai tornato da lì.

Continua dicendo che quella che si crede sia la faglia di Sant’Andrea. In realtà non è altro che una serie di grandi camere o cavità sotterranee che stanno per crollare. È evidente che c’è qualcosa dentro la terra, di cui non abbiamo idea: un mondo complesso, proprio sotto i nostri piedi.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Studi suggeriscono che la terra sia attraversata da una vasta rete di tunnel segreti”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina