Teschi allungati in Croazia: prove extraterrestri?

Un gruppo di archeologi ha trovato quelle che potrebbero essere alcune delle migliori prove di una presenza aliena sulla Terra; teschi allungati.

I teschi allungati sono un mistero della scienza attuale che non è stato spiegato. Anche se alcuni esperti ritengono che queste deformazioni fossero “intenzionali”.

teschi

Tuttavia, c’è una scoperta che la scienza non è stata in grado di spiegare esattamente, e cioè i teschi “a forma di cono” trovati in Croazia. Possibili prove di vita extraterrestre sulla Terra?

Il mistero dei teschi allungati della Croazia

Anche se è vero che esistono esempi di deformazione cranica artificiale, il volume è uguale a quello di un cranio non deformato. Pertanto, questa pratica non aumenta il cervello. Il DNA umano determina una quantità di materia cerebrale che viene cresciuta, indipendentemente dal modo in cui è costretta a crescere.

I veri teschi alieni a testa di cono possiedono un volume cranico maggiore, ossa più dure e diverse componenti ossee. Hanno anche altre variazioni inspiegabili nell’acido desossiribonucleico, come i 3 antichi scheletri trovati in Croazia.

Scoperta nel 2013 nel cimitero della zona archeologica di Hermanov Vinograd. Il team di ricerca inizialmente pensava che fossero teschi allungati artificialmente.

Tra il 2014 e il 2017, gli esperti hanno analizzato vari crani allungati artificialmente con vari metodi. Compreso l’analisi del DNA e l’imaging radiografico, un metodo che prevede l’uso delle radiazioni per vedere all’interno.

Questo ha rivelato che erano tutti maschi morti tra i 12 ei 16 anni, con un evidente grado di malnutrizione. Questo studio è stato pubblicato sulla rivista PLOS One.

L’autore principale dello studio, il bioarcheologo dell’Istituto di ricerca antropologica di Zagabria Mario Novak , ha affermato che la malnutrizione non era necessariamente la causa della morte. In effetti, potrebbe essere stato causato da una malattia.

Tra i ritrovamenti, non sono stati trovati reperti che rivelassero lo stato sociale dei bambini, vissuti tra il 415 e il 560 d.C. C.

Strane culture?

L’analisi del DNA degli antichi resti ha anche rivelato che uno di loro aveva origini eurasiatiche occidentali, un altro un antenato del Vicino Oriente e il terzo discendenza dell’Asia orientale.

Quello di origine mediorientale aveva una deformità cranica di tipo eretto circolare. Ciò significa che l’osso frontale dietro la fronte è stato appiattito a livello del cranio ed è aumentato in modo significativo.

Il bambino che forse proveniva dall’Eurasia occidentale non aveva deformità craniche e l’asiatico aveva un cranio con una deformazione obliqua. Il cranio era allungato in diagonale e verso l’alto.

Gli specialisti non conoscono ancora la sua cultura, anche se il ragazzo dell’Asia orientale potrebbe essere stato un Unno. Novak e il suo team sperano di trovare più deformazioni craniche in Europa per comprendere meglio questo fenomeno.

In particolare, gli scheletri avevano anche strane posizioni, poiché le antiche società della zona li seppellivano in un modo che sfida ciò che gli esperti sanno della loro cultura.

Le indagini su questo tipo di crani allungati sono, presumibilmente, molto poche. Le istituzioni scientifiche non ci prestano molta attenzione per qualche motivo, quindi gli archeologi sono lasciati a se stessi.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Fonte

1.1K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina