Graham Hancock: Una civlità è stata "spazzata via" da un’enorme cometa 22.000 anni fa | Ufo e Alieni
Dom. Apr 21st, 2024

Graham Hancock ha affermato che un’antica cultura con una grande conoscenza in astronomia e matematica è stata spazzata via da un’enorme cometa migliaia di anni fa. 

L’archeologo e ricercatore, riconosciuto per essere stato uno dei primi a guardare alla storia antica da un’altra prospettiva, divenne una delle principali fonti dell’argomentazione contro il tradizionale canone storico.

Inoltre, ha mostrato prove di come un grande oggetto celeste abbia completamente distrutto una civiltà umana, molto più antica degli insediamenti conosciuti.

Graham Hancock. Un’antica civiltà di 22.000 anni fa

Graham Hancock
Graham Hancock, esploratore e archeologo, autore di “Il ritorno degli dei”. Credito: Netflix.

Hancock ha proposto molte teorie alternative che hanno generato polemiche nella comunità scientifica. Ad esempio, ha affermato che alcune strutture longeve, come la Sfinge, erano in realtà i resti di uno stadio molto più antico dell’umanità, che esisteva prima della fine dell’ultima era glaciale.

Ha basato la sua argomentazione sulla correlazione tra eventi culturali e geologici in luoghi diversi e distanti tra loro, come l’Indonesia, la Turchia, l’Egitto e l’India. Questi indicherebbero che una civiltà è vissuta molto prima di quanto sostiene la scienza.

È probabile che l’umanità si fosse già sviluppata e fosse avanzata molto prima della nascita della Mesopotamia e dell’Egitto. Città che l’archeologia assume come l’inizio della civiltà.

In effetti, Hancock propose che le antiche civiltà conosciute avessero ereditato la conoscenza da una civiltà molto più avanzata che esisteva circa 6.000 anni o più prima della sua e che fu distrutta da un grande cataclisma. La stessa che pose fine all’ultima era glaciale, intorno all’anno 12.000 a.C.

Nel suo libro “Il ritorno degli dei.“, Hancock ha spiegato di aver viaggiato in diverse parti del mondo, raccogliendo prove di questa civiltà di “antenati perduta”, spazzata via dai frammenti di un’enorme cometa. Ha suggerito che questa cometa viaggi con la pioggia di meteoriti delle Tauridi che arriva da fine giugno a inizio luglio e da fine ottobre a inizio novembre.

Ha spiegato che questa particolare pioggia di meteoriti è piena di enormi resti di una cometa colossale che si è frammentata per qualche motivo sconosciuto circa 20.000 anni fa. I suoi frammenti, alcuni fino a 2 chilometri di diametro, si sono schiantati contro il ghiaccio del Nord America e dell’Europa, provocando lo “Younger Dryas“.

Una cometa devastante

libro di Graham Hancock
Libro scritto da Graham Hancock, dove mostra le prove di un’antica civiltà.

Ha ricordato che i frammenti si stavano avvicinando a più di 90 chilometri all’ora, generando enormi quantità di calore che hanno immediatamente sciolto milioni di chilometri quadrati di ghiaccio, destabilizzando la crosta terrestre e provocando il famoso “grande diluvio universale”, citato in diversi miti e leggende.

Una seconda raffica di impatti altrettanto devastanti causò ulteriori inondazioni 11.600 anni fa. Data esatta della distruzione di Atlantide, secondo Platone.

Le prove mostrate nel suo libro rivelano, oltre ogni ragionevole dubbio, che una civiltà avanzata è cresciuta durante l’era glaciale, essendo stata distrutta da cataclismi globali tra 12.800 e 11.600 anni fa.

Inoltre, ha causato la recrudescenza del freddo a causa della polvere e delle ceneri che hanno ricoperto l’atmosfera per più di 1000 anni.

L’archeologo ha collaborato a diverse esplorazioni, visitando siti enigmatici come Gunung Padang, in Indonesia. Lì trovò resti di basalto colonnare che, come spiegò, appartenevano a una piramide dell’anno 22.000 a.C., o anche prima.

Ha spiegato che i sopravvissuti, conosciuti nelle culture antiche come “i Saggi”, “i Maghi”, “gli Splendenti” e in molti altri modi, hanno viaggiato per il mondo con le loro “navi” per mantenere l’eredità della civiltà morente. Così si stabilirono a Göbekli Tepe, a Baalbek, Giza, Sumer, Messico, Perù e Indonesia.

L’archeologia assicura che Göbekli Tepe, in Turchia, ha più di 9.600 anni ed è la migliore prova degli effetti di uno scenario antico devastante. Hancock ha spiegato che la regione è servita ai sopravvissuti per preservare almeno una parte della conoscenza della civiltà che era una volta.

Tracce di una civiltà precedente

Göbekli Tepe
Panoramica di Göbekli Tepe.

Gli esperti ritengono che non sia un caso che le prime tracce della rinascita della civiltà, sotto forma della più antica architettura megalitica, così come della conoscenza agricola, siano Göbekli Tepe, 11.000 anni fa. Data che coincide con lo Younger Dryas e il ritorno di un clima globale più benevolo.

I maghi degli dei mostrano anche prove che frammenti di comete raggiunsero anche l’Egitto. Un antico culto a Heliopolis ha sviluppato un modo per preservare la conoscenza storica a beneficio delle nuove generazioni, sviluppando schemi astronomici e architettura antica.

Nel 2015, Hancock ha affermato in un articolo pubblicato sul Daily Mail, che una cometa distruttiva avrebbe raggiunto la Terra in circa 20 anni, attualmente rimangono solo 13 anni.

Questi maghi ci hanno lasciato un messaggio, non un messaggio spirituale metaforico, ma un avvertimento diretto e urgente. Quello che è successo prima può accadere di nuovo; Ciò che ha distrutto il loro mondo può distruggere il nostro“.

L’ impatto della cometa sarebbe molto peggiore della detonazione di tutte le armi nucleari esistenti; una collisione con i detriti della cometa abbastanza grande da spazzare via la vita sulla Terra.

L’ipotesi di Hancock, criticata da molti sostenitori tradizionali della storia, è riuscita a raccogliere informazioni e prove sufficienti per essere considerata legittima, anche se sconvolge i sostenitori tradizionali.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina