L’arca di Noè era una banca del DNA?

L’articolo che segue è pubblicato qui solo per discussione.

Da una strana nascita alla sua Arca, la storia di Noè ha molti dettagli che sono fuori dal mondo! L’arca di Noè era una banca del DNA?

Prima dell’Arca, si deve iniziare con le scoperte archeologiche sulla grande alluvione. Gli studiosi hanno ipotizzato che l’innalzamento del livello degli oceani avrebbe potuto causare lo scoppio del Mar Mediterraneo attraverso una diga naturale, creando un’inondazione così grande da sommergere circa 93.000 chilometri quadrati sotto 150 metri di acqua.

E in effetti, gli archeologi tradizionali sanno che nel Mediterraneo ci sono oltre 200 città affondate conosciute. Anche quelle città furono in qualche modo allagate nello stesso momento in cui il Mar Nero fu allagato.

Scritta nel libro della Genesi, la storia di Noè racconta come Dio “vide che la malvagità dell’uomo era grande” e decise di distruggere tutta la creazione. Solo Noè, la sua famiglia e gli animali a bordo dell’arca furono autorizzati a sopravvivere e ripopolare il pianeta. Ma è tutta questa storia?

La nascita di Noè

Tra gli antichi rotoli del Mar Morto ci sono varie storie che non si trovano nella tradizionale Bibbia ebraica. Una di queste storie racconta di Noè e della sua strana, miracolosa nascita.

Uno dei rotoli del Mar Morto si chiama “La pergamena di Lamech”. Chi è Lamech? Lamech era un pastore.

Un giorno Lamech, torna dopo un lungo periodo di assenza e vide la sua donna incinta. E lui le disse: “Questo è impossibile. Non sono stato qui per mesi“.

Ma sua moglie, chiamata Bathenosh, giura: “Nessuno mi ha toccato“.

Lamech non credette a sua moglie Bathenosh, e andò da suo padre, che era Matusalemme. Matusalemme dice a Lamech: “Non posso aiutarti. Non lo capisco. Credo in tua moglie, Bathenosh, “che nessuno l’abbia toccata, e io le credo. Cosa dovrei fare? ”.Quindi Matusalemme andò da suo padre, l’ormai nonno di Lamech. Si chiama Enoch.

Loading...

Enoch dice a Matusalemme che i guardiani del cielo hanno fatto un’inseminazione artificiale nel grembo di Bathenosh, la moglie. E dovrebbe accettare questo bambino, perché questo bambino sarà il padre di una nuova generazione umana. E nella Bibbia, questo è Noè.

E se la storia di Lamech fosse reale e i guardiani del cielo descritti nella storia fossero, in effetti, alieni? Questo significa che Noè era il prodotto dell’inseminazione artificiale, un esperimento genetico condotto da extraterrestri?

L’ipotesi del DNA

arca Noè DNA

La Bibbia ci dice che Noè era puro in tutte le sue generazioni. Cosa significa? Perché il racconto dovrebbe specificare “puro in tutte le sue generazioni“?

Secondo la Bibbia, Dio ha inviato il diluvio a causa della malvagità e della corruzione dell’uomo. Ma l’alluvione può anche essere visto come un mezzo per liberare la Terra dalle imperfezioni biologiche.

Usando Noè e la sua famiglia, potevano ripopolare il pianeta con una specie geneticamente superiore. Parte di questa società umana è, ancora una volta, geneticamente arretrata, più vicina all’animale. Questi umani erano sparsi sul pianeta.

Un altro elemento familiare nella storia di Noè riguarda la raccolta di animali portati a bordo dell’arca. Nella Bibbia, Dio comandò a Noè di raccogliere due di ogni tipo di creatura vivente: animale, uccello e insetto. Ma molti studiosi e teologi biblici concordano sul fatto che tale compito sarebbe stato fisicamente e biologicamente impossibile. Potrebbe esserci un’altra spiegazione più scientifica?

Potrebbe essere possibile che l’Arca di Noè fosse una tecnologia incompresa e in realtà fosse una banca di DNA?

Questa tecnologia ha in qualche modo raccolto tutti gli esseri viventi, come in una banca del DNA di qualche tipo? È difficile immaginare fino a che punto questo sarebbe accaduto in passato, ma se lo facesse, dovrebbe essere raccontato come una storia; la storia di un’arca che funge anche da banca del DNA extraterrestre.

Gli extraterrestri hanno bisogno anche di piante, animali e minerali sul pianeta. Proprio come quando andremo su Marte o qualcosa del genere, useremo tutto ciò che possiamo su quel pianeta. Quindi, anche gli alieni che vengono qui potrebbero fare la stessa cosa.

E se sapessero che stava arrivando un certo cataclisma, anche loro vorrebbero preservare certi tipi di animali e la vita vegetale e creare quella che pensiamo fosse l’Arca di Noè.

VEDI ANCHE► Posso provare che Noè ha usato il cellulare per chiamare il figlio: accademico Turco

A cura di Ufoalieni.it

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!