Leif Erikson, il vichingo che scoprì l'America 500 anni prima di Colombo | Ufo e Alieni
Ven. Apr 19th, 2024

Leif Erikson, è stato considerato il primo europeo a raggiungere le coste del Nord America e a stabilirvi un insediamento.

I dettagli della sua vita ci sono pervenuti attraverso le saghe islandesi del XIII e XIV secolo.

Forse lo sapevi già, forse no. Ma non dobbiamo mai dimenticare che la Storia non è una rigida scienza sociale, ma si tratta piuttosto di mettere insieme e smontare costantemente tutti gli eventi del passato umano.

Come sottolinea Walter Benjamin: “Annunciare storicamente il passato non significa conoscerlo ‘com’era veramente‘”. E così la “storia ufficiale” è stata smantellata in un’epoca che risponde a una concezione del mondo in continuo movimento.

In quel tenore “beniaminico”, ci è sempre stato insegnato a celebrare il Columbus Day da quando Cristoforo Colombo “scoprì l’America nel 1492“. Tuttavia, alcune cose dovrebbero essere notate.

In primo luogo, Colombo non cercava l’America, ma le Indie, se diventiamo molto severi il contenuto è stato scoperto dai suoi primi abitanti. La domanda dovrebbe piuttosto essere: chi per la cosiddetta “cultura occidentale” è arrivato per primo nel continente “americano”?

Il lungo viaggio di Leif Erikson

Ritratto di Leif Erikson
Ritratto di Leif Erikson.

Sicuramente il nome di Leif Erikson vi suona sconosciuto, ma non è un vecchio telefono, ma un vichingo che salpò con 89 uomini e donne nell’anno 1000 (cioè quasi 500 anni prima di Colombo) e si stabilì nel Nuovo Mondo.

All’inizio, l’insediamento di Leif Erikson era solo un’ipotesi, poiché più di 100 anni fa archeologi provenienti da Finlandia, Danimarca e Norvegia hanno utilizzato i vecchi poemi epici norreni per guidare la ricerca di questo insediamento. Nell’Epopea di Erik si riteneva che Leif Erikson avesse viaggiato lungo la costa del Nord America dal Rhode Island al Labrador.

edificio vichingo
Una ricostruzione di un edificio vichingo nelle vicinanze del sito norvegese a Terranova. Fotografia di Glenn Nagel

Fu solo nel 1960 che fu scoperto un luogo chiamato L’Anse Aux Meadows – un luogo situato sulla punta settentrionale dell’isola di Terranova, nell’attuale provincia di Terranova e Labrador in Canada -, che in precedenza era considerato un campo indigeno, ma dopo aver analizzato alcuni misteriosi tumuli, due archeologi norvegesi di nome Helge e Anne Stine Ingstad, scoprirono che il design dei tumuli era molto simile agli insediamenti vichinghi in Islanda e Groenlandia.

Quindi il gruppo di vichinghi comandato da Leif Erikson arrivò con la bassa marea e rimase intrappolato nelle secche della baia di Epaves. Poi, quando la marea è tornata di nuovo, hanno navigato nel Black Duck Creek, fino a quando non si sono stabiliti a L’Anse aux Meadows.

Ed è così che i libri di storia non sono stati aggiornati e pensiamo ancora che Cristoforo Colombo abbia scoperto l’America.

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Leif Erikson, il vichingo che scoprì l’America 500 anni prima di Colombo”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina