Quando incontreremo gli alieni, probabilmente saranno un'IA autoreplicante | Ufo e Alieni
Lun. Giu 17th, 2024

Quando troveremo gli alieni, probabilmente incontreremo “gadget tecnologici con intelligenza artificiale (IA) e potenzialmente capacità di stampa 3D per riparare parti danneggiate…”

Uno dei più grandi scienziati che abbia mai camminato sulla Terra è stato, senza dubbio, il grande professor Stephen Hawking. Aveva molto da dire sulla vita aliena, sui buchi neri e sul futuro dell’umanità. In un articolo, ho scritto del suo libro brevi risposte alle grandi domande, in cui il professor Hawking ha parlato in modo imbronciato, tra le altre cose, dell’intelligenza artificiale e del contatto alieno:

C’è altra vita intelligente nell’universo?

Ci sono forme di vita intelligente là fuori. Dobbiamo stare attenti a rispondere finché non ci siamo sviluppati un po’ di più.

L’intelligenza artificiale ci supererà in astuzia?

Un’intelligenza artificiale super intelligente sarà estremamente brava a raggiungere gli obiettivi e se questi obiettivi non sono allineati con i nostri siamo nei guai.

Tuttavia, anche prima del suo libro, il professor Hawking in un’occasione ha avvertito il mondo dicendo: “Se gli alieni ci visitassero, il risultato sarebbe molto simile a quando Colombo sbarcò in America, che non andò bene per i nativi americani“.

Resta da vedere se questo è il caso. Ufficialmente, dobbiamo ancora incontrare i nostri fratelli cosmici. Tuttavia, un altro grande scienziato, il professor Avi Loeb, è di una narrazione più rilassata quando si tratta di contatto alieno.

L’ex presidente di astronomia ad Harvard ha recentemente scritto che miliardi di mondi sono abitabili nella nostra galassia. In altre parole, le risorse che consideriamo preziose e uniche sono, in realtà, all’ordine del giorno nella Via Lattea.

Paura degli alieni?

Perché temiamo gli alieni? Secondo il professor Loeb, la paura dei predatori nasce dalle nostre esperienze sulla Terra. Tuttavia, lo spazio interstellare è enorme e tutt’altro che simile al nostro piccolo ambiente terrestre.

Pertanto, l’umanità è al sicuro, secondo Loeb. Il primo messaggio radio che abbiamo trasmesso risale al 1897. Questo è stato quasi 126 anni fa .

Come rivelato da Loeb, solo le civiltà intelligenti esistenti entro 63 anni luce dalla Terra avrebbero potuto accorgersi di noi come una civiltà capace di comunicazioni radio. Fortunatamente, questo non è più di 0,0026, la distanza dal nucleo della Via Lattea . In altre parole, qui si trova meno di “un milionesimo di tutte le stelle della Via Lattea”.

Come saranno gli alieni

Quindi, diciamo che incontriamo gli alieni, sarebbero piccoli uomini verdi come abbiamo immaginato nel corso degli anni? Sembrerebbero Paul, l’alieno? Secondo Loeb, nessuno dei due. Durante una recente sessione di domande e risposte, a Loeb è stato chiesto quali creature aliene potremmo incontrare e se questi alieni minacciano gli umani.

Il professor Loeb ha risposto: “Ho spiegato che l’incontro coinvolgerà molto probabilmente gadget tecnologici con intelligenza artificiale (IA) e potenzialmente capacità di stampa 3D per riparare parti danneggiate o auto-replicarsi“.

Come spiegato da Loeb, questi gadget tecnologici sono molto più adatti a sopravvivere alla vastità dello spazio interstellare rispetto alle creature biologiche.

Dopotutto, esplorare l’universo è un viaggio noioso e lungo che comporta molti problemi pericolosi. Come ho scritto negli articoli precedenti e come spiegato da Loeb, la nostra stessa intelligenza artificiale probabilmente riconoscerebbe (e comunicherebbe) un’intelligenza artificiale aliena molto prima che lo facciano gli umani.

Summa Summarum

E come il professor Loeb conclude il suo saggio, la verità è che gli esseri umani sono tutt’altro che interessanti nelle scale interstellari. Di conseguenza, potremmo non sentire gli alieni per un po’. Questo perché o non li stiamo cercando dove dovremmo, o questi alieni sono molto più avanzati di quanto possiamo persino immaginare, e noi non siamo altro che formiche per loro.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina