Scheletri giganti: 200 esemplari trovati in Canada?

A quasi 2 metri di profondità, in Canada sono stati rinvenuti 200 scheletri giganti, quasi tutti intatti e in ottime condizioni.

tumuli scheletri giganti
Monks Mound, uno dei tumuli più grandi d’America; costruito dai cosiddetti “Mound Builders”.

I risultati di scheletri giganti appaiono spesso in diversi articoli e notizie in tutto il mondo. Tuttavia, il ritrovamento dei resti degli antichi “Costruttori di tumuli” fu sempre tenuto segreto.

200 “scheletri giganti”

Quasi un secolo fa, un articolo del quotidiano canadese El Telégrafo affermava che nel comune di Caguya, nel Grand River, un residente di nome Daniel Fradenburg trovò nella sua fattoria, a una profondità di circa 2 metri, 200 scheletri, quasi tutti in ottime condizioni.

Gli scopritori hanno trovato una specie di collari con perline sul collo di tutti gli scheletri. Tubi di pietra nelle fauci di molti e molti assi di pietra sparsi per la Terra.

Le dimensioni degli scheletri erano esageratamente grandi. Alcuni raggiungono anche i 3 metri di altezza. Mentre il più piccolo misurava circa 2,50 metri.

Alcune delle ossa della coscia erano fino a 15 centimetri più lunghe di qualsiasi scheletro umano. La fattoria era stata coltivata per quasi un secolo, secondo i suoi proprietari. All’inizio era ricoperta da una fitta vegetazione di pini.

Alcuni scheletri mostravano segni di essere stati feriti, forse a causa di una guerra che si svolse anticamente sullo stesso terreno. La domanda che tutti si pongono è se quegli scheletri giganti appartenessero agli indiani… o fossero una razza totalmente sconosciuta? Inoltre, chi potrebbe riempire il pozzo con i suoi resti?

Il registro di Daniel A. Fradenburg nel progetto digitale Atlas della contea canadese.

Dichiarazioni dell’epoca

La Michigan Pioneer Society, nel 1915, scrisse quanto segue:

Mercoledì scorso, il reverendo Nathaniel Wardell, sigg. Orin Wardell (di Toronto) e Daniel Fradenburg stavano scavando nella tenuta di quest’ultimo gentiluomo, che si trova sulle rive del Great River, a Cayuga Township.

Quando arrivarono a cinque o sei piedi sotto la superficie, incontrarono uno strano spettacolo. Accatastati a strati, uno sopra l’altro, circa duecento scheletri di esseri umani quasi perfetti, attorno al collo di ciascuno con un filo di perline.

In questa fossa sono state depositate anche una serie di asce e raschietti per pietre. Nelle fauci di molti degli scheletri c’erano grandi tubi di pietra, uno dei quali il signor O. Wardell portò via a Toronto un giorno o due dopo che questo Golgota fu portato alla luce.

Questi scheletri sono quelli di uomini di statura gigantesca, alcuni dei quali misurano nove piedi, pochissimi meno di sette piedi. Alcune delle ossa della coscia sono risultate essere almeno un piede più lunghe di quelle conosciute oggi e uno dei crani esaminati copriva completamente la testa di una persona comune. Questi scheletri dovrebbero appartenere a una razza di persone prima degli indiani“.

Alcuni ritengono che l’area fosse, formalmente, un luogo di sepoltura indiano. Ma l’enorme statura degli scheletri e il fatto che sia stato per secoli ricoperto di pini esclude una tale teoria.

Questa scoperta, nascosta per secoli alle masse, si unisce a una serie di scoperte di scheletri giganti che indicano che, in tempi antichi, abitavano la Terra insieme agli umani.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

4.2K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Scheletri giganti: 200 esemplari trovati in Canada?

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina