I segreti dell'Apollo 20: città lunari e tecnologia aliena | Ufo e Alieni
Lun. Giu 24th, 2024

Secondo i rapporti, la cosiddetta missione Apollo 20 non era solo una missione americana, ma era effettivamente una collaborazione tra i sovietici e gli Stati Uniti. Questa missione, stando ai resoconti, si sarebbe svolta nel 1976. Se la missione abbia effettivamente avuto luogo o meno, rimane un profondo mistero.

Per la maggior parte di noi, l’idea che missioni segrete sulla Luna siano state effettuate è estremamente difficile da credere, specialmente se si aggiunge che queste presunte missioni hanno recuperato tecnologia aliena dalle cosiddette strutture aliene sulla Luna.

Mentre molti credono che l’idea dell’Apollo 20 sia semplicemente un’altra teoria del complotto, ci sono molte persone in tutto il mondo che ritengono che ciò sia del tutto possibile e che esistano prove a sostegno di tali missioni. Nell’attuale panorama, gli ufologi che cercano di indagare seriamente il fenomeno UFO stanno attraversando un periodo molto difficile a causa delle numerose teorie cospirative e delle bufale che circolano in rete.

Tuttavia, nonostante la possibilità che la cosiddetta missione Apollo 20 sia una di queste bufale elaborate, ci sono alcuni dettagli interessanti che suggeriscono che valga la pena condurre ulteriori ricerche.

In effetti, molti affermano che dove c’è fumo, una volta c’è stato il fuoco…

Le indagini sulla misteriosa missione Apollo 20

navicella spaziale esplorata da Apollo 20
La presunta navicella spaziale esplorata da ‘Apollo 20’

Ufficialmente, la NASA ha concluso il suo programma Apollo con la missione Apollo 17, anche se aveva pianificato ulteriori missioni sulla Luna con le missioni Apollo 18, 19 e 20.

Sebbene queste missioni “non siano mai avvenute” ufficialmente, molte persone credono che, in segreto, la NASA abbia condotto altre tre missioni sulla Luna in cui gli astronauti avrebbero esplorato antiche strutture sulla superficie lunare e recuperato tecnologia “aliena”.

Una delle citazioni più interessanti sulle strutture aliene sulla superficie della Luna proviene dal Dr. Brandenburg.

Il Dr. Brandenburg, che ha un dottorato in Fisica del Plasma, è consulente presso Morningstar Applied Physics LLC e insegna part-time Astronomia, Fisica e Matematica al Madison College. Ha fornito ciò che alcuni chiamano “prove sostanziali” della presenza di vita aliena nel nostro sistema solare.

Era (la Missione Clementine) fondamentalmente una missione di ricognizione fotografica per verificare se qualcuno stesse costruendo basi sulla Luna di cui non eravamo a conoscenza. Li stavano espandendo?

Di tutte le immagini che ho visto dalla Luna che mostrano possibili strutture, la più impressionante è l’immagine di una struttura rettilinea larga un miglio. Sembrava inequivocabilmente artificiale e non avrebbe dovuto essere lì. Come membro della comunità della difesa spaziale, guardo con grande preoccupazione qualsiasi struttura del genere sulla Luna perché non è nostra, non è possibile che avremmo potuto costruire una cosa del genere. Vuol dire che c’è qualcun altro lassù.

… Fondamentalmente stavano facendo il loro lavoro e ci veniva detto di non interferire con loro…

Sapevamo che c’era la possibilità di una presenza sconosciuta, forse aliena/extraterrestre, vicino alla Terra…

Brandenburg ha raccontato un’occasione:

… Ero seduto in una stanza con generali dell’esercito e dell’aeronautica in pensione e alcuni ammiragli, e stiamo osservando quello che sembra uno scontro a fuoco nello spazio. Il generale più anziano lì… si è rivolto a me e ha detto: ‘Da dove pensi che vengano?’ e io ho risposto: ‘Non lo so, signore, ho sentito dire che vengono da 40 anni luce da qui’.”

Citazioni come queste hanno dato alle persone di tutto il mondo motivo per credere che numerose missioni top-secret sulla Luna abbiano avuto luogo anche dopo Apollo 17.

È interessante notare che nel 2007 diversi video interessanti sono stati pubblicati su YouTube da William Rutledge, un individuo che afferma di aver partecipato alla missione Apollo 20. Rutledge afferma che ci sono innumerevoli strutture sul lato nascosto della Luna e ha anche mostrato video delle strutture e di una “femmina aliena” trovata in una gigantesca nave aliena precipitata.

Il ricercatore italiano Luca Scantumbarlo ha contattato Rutledge ed è stato in grado di scoprire di più sulla “storia” incredibile che Rutledge aveva rivelato al pubblico.

In un’intervista, Rutledge ha dichiarato quanto segue:

La NASA non mi ha assunto, ma l’USAF lo ha fatto. Avevo lavorato nello studio della tecnologia straniera, principalmente russa. Ho studiato il progetto N1, il progetto aereo AJAX e il MIG Foxbat 25. Avevo competenze nell’uso della navigazione del computer ed ero volontario per il progetto MOL-Gemini. 

L’USAF poi ha ricordato che ero stato selezionato per Apollo 20 perché ero uno dei rari piloti che non credeva in Dio (cosa cambiata dopo il 1990), ma nel 1976 questo era un criterio. Non era lo status dell’Apollo 20. Gli astronauti della NASA. Non credere in Dio ha fatto la differenza. È tutto.”

Secondo i rapporti, la cosiddetta missione Apollo 20 non era solo una missione americana, ma era effettivamente una collaborazione tra i sovietici e gli Stati Uniti. Secondo Rutledge, la missione ebbe luogo nel 1976.

Apollo 20 fu inviata sul lato nascosto della Luna, in un’area chiamata Regione Deporte-Izsak, vicino al cratere Tsiolkovsky. Il loro obiettivo era investigare un oggetto enorme avvistato dall’equipaggio della missione Apollo 15. Una volta sulla Luna, i membri dell’equipaggio dell’Apollo 20 trovarono una gigantesca astronave aliena lunga 2 miglia, e non lontano da essa, un’altra astronave molto più piccola.

Rutledge afferma:

La ‘Moon City’ fu chiamata sulla Terra Stazione Uno, ma sembrava essere in realtà spazzatura spaziale, piena di rottami, parti dorate, e solo una costruzione sembrava intatta. L’abbiamo chiamata Cattedrale. Abbiamo scattato foto di pezzi di metallo, di ogni parte con scritture, esposte al sole. La città sembrava vecchia quanto la nave, ma era un posto molto piccolo. Nel video del rover, il teleobiettivo faceva sembrare gli artefatti più grandi.”

Siamo entrati nella grande astronave, anche in una parte triangolare. Le principali conclusioni dell’esplorazione furono: si trattava di una nave madre, molto antica, che aveva attraversato l’universo almeno un miliardo di anni fa. All’interno c’erano molti segni di biologia, antichi resti di vegetazione in una sezione del motore, speciali rocce triangolari che emettevano ‘lacrime’ di un liquido giallo con proprietà speciali e, naturalmente, segni di creature extrasolari. 

Abbiamo trovato resti di piccoli corpi (lunghi 4 pollici) che vivevano e morivano in una rete di tubi di vetro lungo tutta la nave, ma la scoperta più importante fu quella di due corpi umanoidi, uno intatto.

Se l’Apollo 20 abbia mai avuto luogo o meno rimane un mistero per la maggior parte di noi; tuttavia, è estremamente piacevole sapere che molte persone si sono fatte avanti negli ultimi due anni, fornendo ragioni per credere che tali missioni abbiano effettivamente avuto luogo e che ci siano numerose strutture aliene sulla superficie della Luna.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina