WikiLeaks conferma che gli Stati Uniti hanno distrutto una base lunare extraterrestre | Ufo e Alieni
Dom. Mag 19th, 2024

Il ricercatore UFO Scott Waring afferma sul suo sito Web: “Stavo facendo ricerche sul sito Web WikiLeaks e ho trovato queste informazioni relative a una base lunare segreta che gli Stati Uniti avevano distrutto alla fine anni ’70. Riporta solo i dettagli del documento, ma non tutti perché il documento è stato scritto a mano e non è mai stato messo in formato digitale.

documento WikiLeaks

Waring chiede: “Come farebbero gli Stati Uniti a distruggere una base aliena sulla luna terrestre senza che nessuno lo sospetti? Questo è facile. Ricordi le missioni Apollo? Ebbene, sulla Luna avrebbero dovuto esserci più di 20 missioni di questo tipo, invece la NASA si è improvvisamente fermata all’Apollo 17, per svolgere alcune missioni segrete di operazioni nere che prevedevano il recupero di tecnologia extraterrestre e il riconoscimento di strutture e navi aliene e per rilevare ogni possibile minaccia per gli Stati Uniti.

Waring continua: “Ho incontrato un uomo di nome William Rutledge nel 2011 su YouTube quando ha caricato una mezza dozzina di video della missione Apollo 20 a cui ha partecipato. Era una missione condivisa di Stati Uniti e Russia sulla Luna vicino al cratere Delporte.

SEE – Il regista afferma di avere la prova che Stanley Kubrick ha girato il falso arrivo sulla Luna

William e l’altro astronauta hanno registrato su pellicola le loro attività sulla Luna. Compresa l’esplorazione di una nave a forma di sigaro nel cratere Delporte. All’interno hanno trovato tubi di vetro lungo le pareti con minuscoli scheletri bipedi (alti pochi centimetri).

Hanno anche trovato una pilota donna con i tubi collegati al naso ed era in coma e sembrava essere collegata fisicamente e mentalmente alla nave. Non si è mai svegliata, ma è stata riportata sulla Terra. Ha anche registrato una bellissima città aliena danneggiata sulla luna.

WikiLeaks

Penso che questa sia la base extraterrestre che è stata distrutta dagli Stati Uniti. Probabilmente l’hanno distrutta in una missione successiva, dopo aver recuperato tutta la possibile tecnologia che poteva essere restituita.

Perché avrebbe dovuto distruggere usando la base aliena?

Penso che fosse per tenerlo fuori dalla portata di altri paesi del mondo. Immagina cosa accadrebbe se Israele facesse atterrare una sonda sulla Luna e trovasse la base, affermando pubblicamente che tutto il suo contenuto è di proprietà di Israele. Improvvisamente, renderebbe Israele una potenza mondiale.

Gli Stati Uniti non vogliono perdere quel titolo né vogliono affrontare la concorrenza di altri paesi che li sconfiggono in città e mondi strani e che esplorano l’universo. Anche se a quel tempo gli Stati Uniti condividevano quelle missioni segrete dell’Apollo con la Russia.

Apparentemente, William Rutledge non ha mai detto che la NASA aveva distrutto la base aliena sulla Luna, che una volta aveva registrato. Gli avrebbe spezzato il cuore. Mi ha detto che era vecchio, nei suoi ultimi 70 anni al momento in cui ho parlato con lui ha detto che aveva convertito alcuni dei film in video digitali per condividerli prima di morire. Era vecchio e voleva togliersi questo segreto dalla coscienza.

Il nostro mondo è davvero come presentato? Ci sono milioni di pagine di documenti che vengono classificati in diversi paesi ogni anno, com’è possibile determinare realmente cosa sta succedendo “dietro le quinte”? Perché il segreto governa?

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “WikiLeaks conferma che gli Stati Uniti hanno distrutto una base lunare extraterrestre”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina