Una “impronta di scarpe di 200 milioni di anni” potrebbe cambiare la storia

Una misteriosa impronta di scarpa trovata in un terreno di ardesia, è stata studiata dagli esperti, essendo datata 200 milioni di anni fa.

impronta di scarpa fossile

L’impronta della scarpa ha sorpreso gente del posto e sconosciuti, poiché risale all’era del Triassico. Più di 200 milioni di anni fa.

Molto vicino ad Antelope Springs, nello stato dello Utah, USA anno 1968, William J. Meister, fumettista e collezionista di trilobiti, trovò un’impronta di scarpa molto particolare.

Quando Meister ha aperto il blocco di ardesia, ha trovato il segno di una scarpa e al suo interno c’erano fossili di trilobite. Vale la pena ricordare che i trilobiti sono una specie di artropodi marini già in estinzione.

Un’impronta di scarpa con milioni di anni

Meister ha pubblicato un articolo che descrive la sua scoperta nel Creation Research Society Quarterly. L’ardesia con l’impronta della scarpa aveva un’approssimazione tra 505 e 590 milioni di anni .

La descrizione era la seguente:

“Il segno del tallone 3 millimetri in più rispetto all’impronta totale della scarpa era incastonato nella pietra ardesia, si presume che potrebbe provenire dal piede destro, poiché è mostrata una maggiore usura sul lato destro del tallone”.

Nello stesso articolo è stato menzionato che il dottor Clarence Combs del Columbia Union College nel Maryland e il geologo Maurice Carlisle, avevano visitato l’area della scoperta il 4 luglio 1969.

Carlise, dopo aver scavato, ha trovato uno strato di fango allo stesso livello dell’impronta della scarpa. Così era convinto della consistenza dell’impronta fossile, il fango ha mostrato che il piede che ha fatto l’impronta era ad un certo punto sulla superficie.

Com’era prevedibile, gli scienziati non hanno accettato la scoperta, sostenendo che si trattava solo di una rarità.

impronta di scarpa fossile
Finora, la comunità scientifica non accetta l’impronta come “vera”.

Un caso simile, anch’esso respinto

Un interessante articolo pubblicato sul quotidiano americano Sunday di New York l’8 ottobre 1922, intitolato “The Mystery of the Petrified Shoe Sole Five Billion Years Old”, parla di una scoperta simile.

L’articolo riportava come il geologo e ingegnere minerario John T. Reid si fosse imbattuto inaspettatamente in un’impronta impressionante in Nevada durante la ricerca di fossili. Dall’esame si è concluso che si trattava di un’impronta di scarpa.

Un ingombro in cui si poteva intuire i segni del filo per cucire utilizzato, ed i segni lasciati dallo sfregamento continuo sul tallone.

Il geologo portò il suo insolito fossile a New York, all’American Museum of Natural History. Cercando di interessarli alla sua scoperta. Tuttavia, è stato screditato con le seguenti parole:

“L’impronta è la migliore imitazione di un oggetto artificiale che abbiamo mai visto.”

Tuttavia, devono aver riconosciuto che il sedimento in cui era apparsa l’impronta apparteneva all’era del Triassico.

Reid insoddisfatto del parere espresso dalla comunità scientifica, ottenendo che siano state effettuate nuove analisi e fotografie, lavoro svolto da un chimico del Rockefeller Institute. Rilanciando la risposta che l’unico era il lavoro umano.

Com’è possibile che un’impronta di scarpa sia apparsa centinaia di milioni di anni prima che venisse inventata? Peggio ancora, prima che gli umani camminassero sulla Terra?

 

VEDI ANCHE▶ Il ‘Dragon Man’, una nuova specie umana sconosciuta fino ad ora

A cura di Ufoalieni.it

6.5K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina