Gli antichi egizi usavano tecnologie "perdute" per costruire le piramidi? | Ufo e Alieni
Sab. Lug 13th, 2024

Le leggende arabe parlano di come gli antichi egizi fossero in grado di muovere le pietre con “levitazione” durante la costruzione delle piramidi. Le leggende si riferiscono a un “papiro magico” che veniva posto sotto alcune delle pietre più pesanti; quando le pietre venivano colpite con un’asta di metallo, cominciavano a galleggiare.

Gli antichi egizi muovevano le pietre con “levitazione

antichi egizi piramidi

Sono completamente e totalmente innamorato dell’antico Egitto e della sua storia. Ma se mi chiedessi di scegliere una cosa che mi affascina di più dell’antico Egitto, allora dovrei scegliere le piramidi.

Non è solo per la Grande Piramide, le sue dimensioni e la magia che ne deriva, ma per l’intera storia della costruzione delle piramidi nell’antico Egitto. Sebbene la Grande Piramide di Giza sia la più famosa di tutte, l’Egitto ha più piramidi che sono ugualmente accattivanti e sbalorditive, nonostante non siano così massicce.

Ogni volta che viene menzionata la parola piramide, viene in mente la Grande Piramide di Giza. Per millenni viaggiatori, studiosi ed esploratori hanno osservato il suggestivo monumento in pietra sull’altopiano di Giza e si sono chiesti come fosse stata costruita una struttura così sofisticata migliaia di anni fa.

Ma la Grande Piramide di Giza è solo una delle tante piramidi che esistono in Egitto.

In effetti, alcuni studiosi hanno affermato che ci sono fino a centoventi piramidi nel solo Egitto, sebbene nessuno possa stimare quante giacciono nascoste sotto il deserto dorato dell’Egitto.

Anche se questo può sembrare un numero piuttosto grande, nell’estremo sud del Sudan troviamo più di 200 piramidi, anche se non così grandi e sofisticate come le loro controparti egiziane. La Mesoamerica conta migliaia di piramidi.

Secondo gli esperti tradizionali, le piramidi, dell’Egitto, furono costruite come tombe per i faraoni d’Egitto.

Credono che la piramide egizia, nella sua forma a gradini, fosse il risultato dell’evoluzione della tomba mastaba. Gli egittologi sono convinti che il primo tentativo di costruire una “tomba” in forma piramidale sia rappresentato dalla realizzazione architettonica rivoluzionaria del re della terza dinastia Doser e dal suo complesso di piramidi a gradoni situato nella necropoli reale di Saqqara.

A loro volta, gli egittologi affermano che la prima vera piramide dai lati lisci può essere fatta risalire al governo della Quarta dinastia del re Sneferu, un sovrano accreditato di aver costruito tre “grandi” piramidi, una a Meidum e due a Dahshur.

Ciò significa che sono trascorsi cento anni dalla costruzione della prima piramide in pietra d’Egitto alla costruzione della prima piramide a lati lisci da parte di Sneferu.

Si sostiene che le piramidi di Sneferu gettarono direttamente le basi per la costruzione della Grande Piramide di Giza, un monumento che secondo gli egittologi fu costruito dal re della quarta dinastia Cheope, figlio di Sneferu.

Gli egittologi affermano che il concetto di piramidale è il risultato di secoli di sperimentazione e sviluppo. Credo che non lo sia. Come mai? Perché prima della piramide di Djsoer, non abbiamo protopiramidi o strutture che suggeriscono, in alcun modo, che qualcuno abbia già tentato di costruire piramidi.

Come rivelato nel delizioso libro di Ahmed Fakhry, “Le Piramidi”, le tombe dei primi re storici d’Egitto, sono state trovate ad Abydos.

Era lì, da qualche parte, dove un tempo esisteva la prima capitale egiziana Thinis. Questa città è persa nella storia e gli esperti devono ancora trovarla. Abydos ospita numerose tombe, mastabe, e sono state scoperte prove di strutture nel sito risalenti al 3.200 a.C. circa.

Da nessuna parte ad Abydos abbiamo i primi esempi di piramidi che precedono la proto piramide introdotta dall’architetto reale del mio Djsoer Imhotep .

Nonostante l’assenza di precedenti proto-piramidi, gli esperti ritengono che la rivoluzionaria piramide a gradoni di Djoser tragga idee da diverse strutture precedenti, la più sorprendente delle quali è una tomba di mastaba a Saqqara, costruita molto prima del regno di Djoser.

Questa mastaba sarebbe risultata in una piramide a gradoni se i suoi costruttori non avessero lasciato un lato esposto. Un problema sorge quando si considerano le piramidi come tombe perché lo stesso re spesso aveva più di una tomba.

Il re defunto poteva essere sepolto solo in una. Ad esempio, si ritiene che prima di costruire la piramide a gradoni, Djoser abbia commissionato la costruzione di una tomba Mastaba. Perché ha costruito la mastaba e la piramide, se entrambe erano tombe?

Una soluzione alla teoria della doppia tomba è che una struttura potrebbe aver agito come un cenotafio, un semplice monumento in onore del re.

Ne ho discusso in articoli precedenti e ho offerto una visione diversa delle piramidi che non implicano che siano tombe.

In questo articolo, però, mi occupo di un argomento diverso.

Volevo esaminare la possibilità, la teoria o l’ipotesi, se volete, che una qualche forma di “tecnologia perduta” fosse usata dai costruttori delle piramidi egizie.

Questa tecnologia non deve necessariamente essere ultraterrena, né deve rappresentare una tecnologia simile posseduta dalla società moderna.

Ma cosa accadrebbe se le antiche civiltà possedessero una conoscenza diversa e realizzassero strumenti e tecnologie a noi sconosciuti oggi, che potrebbero averli aiutati a costruire non solo le piramidi ma anche altre strutture megalitiche nel corso della storia?

La parte difficile quando si studia la piramide è che non ci sono documenti che descrivono come è stata realizzata. Certo, abbiamo il Merer’s Journal, che descrive il trasporto di blocchi di calcare via barca, da Tura a Giza.

Tuttavia, molte persone affermano erroneamente che il Merer’s Journal descrive come è stata costruita la piramide. In questo articolo, discutiamo del motivo per cui è improbabile che il Merer’s Journal faccia riferimento a come furono costruite le piramidi.

Non è così e non lo è mai stato. Descrive semplicemente il trasporto di pietre e che ciò avvenne durante il regno di Cheope.

Per quanto ne sappiamo, questa pietra potrebbe essere stata utilizzata per riparare una piramide già esistente e le pietre potrebbero essere state utilizzate anche per costruire un monumento completamente diverso. Non possiamo saperlo dal diario stesso.

Levitazione; una tecnologia persa?

Ho letto che alcuni decenni fa, gli scienziati in visita in Tibet hanno assistito a come i monaci tibetani fossero in grado di spostare le pietre con l’aiuto della levitazione acustica. Usando strumenti simili a “trombe”, centinaia di monaci si sarebbero presumibilmente riuniti in file e avrebbero prodotto un suono che farebbe muovere i massi.

Sappiamo dai sacerdoti dell’estremo oriente che sono stati in grado di sollevare pesanti massi su alte montagne con l’aiuto di gruppi di vari suoni… la conoscenza delle varie vibrazioni nella gamma audio dimostra a uno scienziato della fisica che una vibrazione e il campo sonoro condensato può annullare il potere della gravitazione.”

Questo articolo spiega la tecnica. Per favore, mantieni una mente aperta.

È già stato dimostrato che la levitazione acustica funziona, ma finora gli scienziati sono in grado di “levitare” solo oggetti più piccoli. Puoi leggere di più sulla fisica dietro la levitazione acustica qui.

Nel mio precedente articolo intitolato “La tecnologia perduta degli antichi; E se gli strumenti usati per costruire monumenti antichi non andassero mai perduti? “ Ho già trattato alcune teorie sui possibili strumenti usati dall’uomo antico per costruire molti dei monumenti che vediamo oggi, e vorrei citare un paragrafo di quell’articolo perché va di pari passo con quello di cui sto discutendo ora;

E se, per un momento, gli accademici tradizionali si sbagliassero e gli strumenti ordinari come bastoni, pietre non fossero usati dagli antichi? E se ci fossero altri tipi di strumenti, tecnologie perdute e tecniche utilizzate migliaia di anni fa?

Bene, ci sono alcune indicazioni che questo potrebbe essere stato il caso. Mantieni una mente aperta e ricorda che una linea molto sottile divide la fazione dalla realtà.

Gli scritti scritti nel 147 dC da Abu Al-Hasan Ali al-Masudi fanno riferimento a leggende arabe che parlano di come gli antichi egizi fossero in grado di muovere le pietre essenzialmente con “levitazione” durante la costruzione delle piramidi.

Le leggende si riferiscono a un “papiro magico” che veniva posto sotto alcune delle pietre più pesanti; quando le pietre venivano colpite con un’asta di metallo, cominciavano a galleggiare. Presumibilmente gli egiziani erano in grado di dirigere e trasportare le pietre in un luogo mirato con l’aiuto di un percorso rivestito con le stesse barre di metallo.

Sebbene alcuni possano considerare l’uso della levitazione un’idea inverosimile nei tempi antichi, ci sono altri “strumenti” e tecnologie che potrebbero essere stati utilizzati nell’antico Egitto per costruire le piramidi.

Il riferimento alle macchine utilizzate per costruire le piramidi si trova nell’opera del padre della storia, lo scrittore greco Erodoto.

Come ho accennato in questo articolo, nella sua opera “Le storie”, Erodoto spiega come le piramidi d’Egitto furono costruite con “macchine” che (forse) aiutarono i costruttori a mettere in posizione le massicce pietre;

La piramide era costruita a gradini, merlata, come viene chiamata, o, secondo altri, altare. Dopo aver posato le pietre per la base, hanno sollevato le pietre rimanenti al loro posto per mezzo di macchine formate da assi di legno corte.

La prima macchina li ha sollevati da terra in cima al primo gradino. Su questo vi era un’altra macchina, che ricevette la pietra al suo arrivo e la condusse al secondo gradino, donde una terza macchina la fece avanzare ancora più in alto.

O avevano tante macchine quanti erano i gradini della piramide, o forse avevano una sola macchina che, essendo facilmente spostabile, veniva trasferita da un livello all’altro man mano che la pietra si alzava – sono forniti entrambi i resoconti e quindi li menziono entrambi.

Fu terminata prima la parte superiore della Piramide, poi la parte centrale e infine la parte più bassa e più vicina al suolo.

Tracce di queste macchine non sono mai state trovate e non possiamo sapere se esistessero.

Tuttavia, e nonostante la mancanza di prove della loro esistenza, trovo incredibilmente interessante che Erodoto abbia sentito parlare di tali macchine e che abbia deciso che erano abbastanza importanti da poter essere registrate nella storia.

Diciamo per un momento che queste macchine sono esistite. Non si apre quindi una possibilità completamente nuova per altri strumenti, tecniche e macchine che potrebbero essere esistite in un lontano passato e che ora sono perdute?

E se, per amor di discussione, ci fossero tecnologie, strumenti e manufatti che sono stati sviluppati dai nostri antenati migliaia di anni fa e ora sono andati perduti, ma che li hanno aiutati a costruire alcune delle strutture più imponenti e grandiose che il mondo abbia mai visto?

Quando guardo la storia, vedo un enorme puzzle con non più di pochi pezzi messi insieme. Nonostante non abbiamo visto l’intero quadro, affermiamo di aver scoperto tutto ciò che c’è da sapere sui nostri antenati e su come sono state costruite alcune delle strutture più sorprendenti.

Tuttavia, abbiamo il coraggio di dire che tutto ciò che c’è da sapere sul mondo antico è già stato trovato.

Göbekli Tepe è un sito che ci mostra chiaramente che non l’abbiamo fatto. Göbekli Tepe è la prova che già 12.000 anni fa, l’umanità antica sviluppò società sedentarie, città e un sistema economico che consentì la costruzione di grandi monumenti megalitici.

Circa 12.000 anni fa, l’umanità aveva sviluppato tecnologie, strumenti e mezzi necessari per estrarre, trasportare e sollevare in posizioni toni che pesano 10, 20 e 50 tonnellate.

Non è tempo, almeno per un breve momento, di accettare la possibilità che esistessero tecnologie nel mondo antico che sono al di là della nostra attuale comprensione?

Ci sono prove conclusive che 12.000 anni fa, i costruttori di Göbekli Tepe erano a conoscenza della geometria e delle forme geometriche e le usavano nella pianificazione e costruzione del monumento.

Questa conoscenza allude a una società molto più avanzata di quella che ci viene raccontata. Queste persone non erano normali cacciatori-raccoglitori.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Gli antichi egizi usavano tecnologie “perdute” per costruire le piramidi?”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina